giovedì, luglio 19

Usa: polemiche per l’apertura dell’esercito a persone con problemi psichici A dirlo il giornale 'Usa Today', secondo cui potranno entrare giovani che soffrono di disturbo bipolare, depressione, alcolismo o tossicodipendenza

0

Svolta negli Usa: d’ora in poi nell’esercito potranno entrare anche persone con insufficienze psichiche. A dirlo il giornale ‘Usa Today‘, secondo cui tra le fila dei marines o di altri corpi americani potranno entrare giovani che soffrono di disturbo bipolare, depressione, alcolismo o tossicodipendenza. O chi si è provocato intenzionalmente danni alla salute.

La decisione del Pentagono risale ad agosto, ma non è stata resa pubblica. ma come spiegare questa apertura? Secondo i media americani, il divieto sia stato rimosso perché il prossimo anno l’esercito avrà bisogno di 80 mila reclute. E con il pericolo Corea dietro l’angolo c’è bisogno di tutti.

Una scelta discutibile, visto che si è aperto a queste ‘categorie’ di persone, mentre il presidente Donald Trump, non molto tempo fa, aveva dichiarato off limits l’esercito ai ‘pericolosi’ transgender. Ad intervenire in merito poi un giudice di Washington, che ha bloccato tutto. L’annuncio del divieto ai transgender di arruolarsi nell’esercito aveva scatenato proteste in tutto il Paese.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.