sabato, maggio 26

Ucraina, tra crisi continua e aiuti dalla Lituania

0

La Corte internazionale di giustizia ha respinto la richiesta dell’Ucraina di misure immediate per fermare il sostegno russo ai ribelli nell’Est del Paese. La crisi in quel quadrante continua a farsi sentire, nonostante i riflettori siano puntati soprattutto su Iraq e Siria.

La Corte comunque prova anche a lanciare un messaggio chiaro a Mosca, invitandola a rispettare le minoranze in Crimea e a mettere fine alla discriminazione contro i Tatari. In particolare si chiede ai russi di «astenersi dall’imporre limiti all’abilità dei Tatari di Crimea di mantenere le sue istituzioni e di assicurare la disponibilità dell’istruzione in linguaggio ucraino».

Due giorni fa l’incontro tra Theresa May e il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko, durante il quale la premier inglese ha ribadito il pieno sostegno di Londra, che è decisa a garantire l’integrità territoriale ucraina rispetto alla Russia. Il presidente, intervenendo alla Chatham House nella capitale britannica, aveva affermato l’importanza delle sanzioni contro Mosca «per tenere i carri armati russi lontani dall’Europa centrale».

Intanto continua il sostegno di volontari alla causa ucraina, in particolare dalla Lituania.

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.