giovedì, maggio 24

Turchia – Italia: è tensione per la nave ENI bloccata a largo di Cipro C’è una via d' uscita alla recente crisi scaturita dal blocco della nave di ENI? Ne abbiamo parlato con Valeria Talbot

0

Quanto incide, nella reazione turca, la necessità di proteggere la propria politica energetica, evitando interferenze esterne in risorse potenzialmente strategiche per Ankara?

Eni ha un contratto regolare per lo sfruttamento di queste risorse di gas su cui, però, anche Ankara vorrebbe avere voce in capitolo. La Turchia è certamente molto dipendente dalle importazioni di idrocarburi e quindi ha molto interesse a diversificare rispetto alla Russia, il principale esportatore di gas in Turchia. L’ uso di fonti alternative potrebbe essere tra i motivi. Pare, però, che la Turchia per sfruttare queste risorse si debba mettere in un’ ottica di cooperazione, non di antagonismo. Il punto è che qui si trovano altri nodi, nodi politici che riguardano la questione della divisione di Cipro, che, finora, ha costituito uno dei principali ostacoli al cammino di Ankara verso Bruxelles.

Ci possono essere complicazioni nelle relazioni italo-turche?

Non le facilita perché comunque, anche se sembra che la questione sia stata sollevata nel corso della visita di Erdogan a Roma, nei colloqui con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e con il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, il punto è che non è una reazione diretta contro l’ Italia, ma potrebbe avere ripercussioni nelle relazioni con l’ Italia. Per questo, mi pare che ci sia l’ assoluta cautela anche da parte italiana nel fare qualsiasi tipo di passo.

Quale potrebbe essere la via d’ uscita da quest’ impasse?

Il blocco della nave ENI potrebbe essere strumentale alla triangolazione che la Turchia potrebbe fare con l’ Italia e con la Repubblica di Cipro per garantirsi una voce in capitolo nello sfruttamento di queste risorse. Ci sono evidentemente delle strette relazioni tra la questione economica dello sfruttamento di queste risorse e la questione politica.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore