mercoledì, settembre 19

Trump: e se non mandasse all’aria il patto nucleare con l’Iran? Le ultime infatti vogliono che il tycoon, che deve decidere in settimana, lasci in vigore per il momento il JCPOA, promulgato nel 2015

0

Il presidente Donald Trump dovrà annunciare in settimana se gli Stati Uniti rimarranno impegnati nel patto nucleare iraniano o no. Il dilemma c’è, viste anche le ultime uscite pubbliche del tycoon, ma fonti dicono che potrebbe mantenere in atto l’accordo nucleare con l’Iran.

Le ultime infatti vogliono che Trump lasci in vigore per il momento il JCPOA (Joint Comprehensive Plan of Action), promulgato nel 2015 dall’Iran, dai cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dalla Germania. Nonostante il presidente, oltre all’ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite, abbia ripetuto qualche settimana fa che quell’accordo è il peggiore possibile, ed è stato «violato sistematicamente nello spirito» dalla leadership della Repubblica islamica.

Inoltre l’intesa tra Trump, Israele e Arabia Saudita, nell’ambito del nuovo ordine regionale inaugurato dallo stesso presidente Usa con il riconoscimento di Gerusalemme capitale e la delega a Riad di «nuovo broker» del processo di pace in Medio Oriente, vede in Teheran il rivale da indebolire ad ogni costo.

Intanto l’UE, come ha ribadito l’Alto rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini, «resta impegnata per la piena attuazione dell’accordo sul nucleare iraniano, un accordo che funziona ed è cruciale per la sicurezza del mondo». Non rimane altro che aspettare la decisione di Trump e sperare.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.