sabato, maggio 26

Tories, ecco il manifesto del partito di Theresa May

0

Dopo i Labour, è toccato ai Tories presentare il proprio manifesto in vista delle elezioni del prossimo 8 giugno .A farlo ovviamente la premier Theresa May. Ed è stata chiara: «Ogni voto per me e la mia squadra in queste elezioni rafforzerà le carte nei negoziati a venire, ogni voto per me e la mia squadra sarà un voto per proseguire nel lavoro di portare a termine la Brexit e un futuro più sicuro per tutti».

Nel corso della presentazione del programma del partito Conservatore, la May non ha potuto non parlare del tema più caldo, ossia quello dell’immigrazione. Secondo il programma Tories, gli immigrati non europei dovranno versare dei contributi maggiori per poter usufruire della Sanità pubblica. La speranza dell’attuale governo è quella di ristabilire il saldo migratorio a meno di 100mila persone l’anno, promessa che i Tories hanno fatto fatica a rispettare negli ultimi anni.

Non è un caso che la presentazione del programma sia avvenuta ad Halifax, circoscrizione attualmente controllata dai laburisti ma dove la Brexit ha vinto con una netta maggioranza. Qui infatti i Tories sperano di strappare a giugno voti importanti e confermare il trend dello scorso anno: gli ultimi sondaggi danno i Tories al 49% e il Labour in rimonta ma ‘solo’ al 34%.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.