mercoledì, luglio 18

Tide pod challenge, la pericolosa ‘moda’ che spopola sui social Parliamo dell'ingoiare, da parte di adolescenti, delle capsule per le lavatrici

0

Una nuova e pericolosa tendenza sui social media sta sollevando le preoccupazioni dei medici. E’ la Tide Pod Challenge, ossia l’ingoiare da parte di adolescenti le capsule per le lavatrici, quelle per pulire la biancheria per intenderci.

Alcuni video sui social mostrano gli adolescenti che li scoppiano e consumano il liquido all’interno del pod, se non l’intero pod stesso. Un altro video su Youtube mostra un giovane che fa scoppiare il pod e versa il liquido in un dispositivo per fumare e lo fuma.

Le aziende produttrici dei pod naturalmente hanno iniziato una campagna per informare i giovani che praticano questa Tide Pod Challenge, spiegando che in queste capsule c’è un detergente altamente concentrato destinato a pulire i vestiti e quindi pericolosi da ingerire.

Più di 17.000 chiamate ai centri anti-veleni negli Stati Uniti sono state effettuate nel 2012 e 2013 per i bambini che sono stati esposti a prodotti chimici per il bucato, secondo la Reuters Health.

I problemi possono essere seri per la salute: le confezioni, alcune delle quali sono di colori brillanti, possono essere particolarmente dannose se ingerite o sfregate sugli occhi. Altri sintomi dovuto all’ingerimento di questi pod sono vomito, tosse e soffocamento, irritazione agli occhi o dolore e stanchezza. Nei casi più gravi, gli effetti collaterali includono coma, convulsioni e ustioni allo stomaco. Insomma la Tide Pod Challenge è un’altra moda social che è meglio evitare.

(video tratto dal canale Youtube di WCCO – CBS Minnesota)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.