mercoledì, settembre 19

Tel Aviv: ‘Omer Tower’, la torre LEGO più alta del mondo Con un' altezza di 36 metri, ha battuto il record di quella costruita, nel 2015, per l' EXPO di Milano

0

In memoria di Omer Sayag, bambino di 8 anni deceduto a causa di un tumore quattro anni fa, la città di Tel Aviv, al termine di una campagna di raccolta fondi, ha inaugurato la più alta torre LEGO mai costruita, che prenderà il nome di “Omer Tower” : sfiora, infatti, i 36 metri di altezza, superando quella costruita nel 2015, per l’ EXPO di Milano, che non superava i 35 metri, e quella di Budapest del 2014.

Quello che colpisce, oltre all’ altezza, è la fantasiosa colorazione della torre, situata in Piazza Rabin, di fronte al palazzo comunale. Per la sua costruzione, sono stati usati circa mezzo milione di mattoncini LEGO, raccolti, nell’ arco di un anno, attraverso un’ iniziativa ideata dagli insegnanti di Omer Sayag. Per realizzarla, ci sono voluti quasi due settimane di lavoro: dal 12 al 24 dicembre.

E’ stato Ron Huldai, il sindaco di Tel Aviv, a presentare, lo scorso 27 dicembre, alla stampa, il progetto, frutto della cooperazione tra il comune e Young Engineers, un’organizzazione che promuove l’apprendimento attraverso l’uso dei LEGO. Huldai ha poi annunciato che, tramite le fotografie e le riprese aeree, l’ “Omer Tower”verrà sottoposta al giudizio della commissione per il riconoscimento del Guinness dei record.  

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore