Navigazione: Russia

EsteriEsteri
Raqqa e il futuro dell’area mediorientale Cosa accadrà in Medio Oriente dopo la caduta di Raqqa? Ne parliamo con il professor Massimo Campanini
di

‘Daesh è stato un fenomeno totalmente diverso da al-Qaeda ma, anche ammettendo che fosse un fenomeno consecutivo rispetto ad al-Qaeda, le cause che hanno provocato, ancora prima dell’emergere di al-Qaeda, l’emergere delle formazioni di lotta armata degli anni ’70, ’80 e ’90 del secolo scorso, sono ancora tutte sul terreno’

EsteriEsteriItalia
Forum economico eurasiatico: tanta voglia di Russia! Record di presenze per le imprese italiane al summit che si terrà tra oggi e domani a Verona e che molto potrebbe dire sul futuro delle relazioni Italia-Russia
di

L’evento molto potrebbe dire sulla direzione che prenderanno i rapporti economici tra Italia e Russia, lo garantisce la firma che il Forum porta, quella di Antonio Fallico, da sempre ‘uomo di cerniera’ tra il Cremlino e i poteri forti economici e politici italiani

EsteriEsteriItaliaEsteriEsteri
Russia nuovo arbitro del Medioriente? L'asse Washington-Tel Aviv intende risolvere la 'questione iraniana' una volta per tutte. Mosca la pensa diversamente
di

Se da una parte Tel Aviv vuole chiudere una volta per tutte la questione della minaccia iraniana, inevitabilmente legata alla guerra in Siria, facendo pressione sul sempre pronto alleato americano; dall’altra Mosca intende mantenere il rapporto delle potenze in gioco nell’area

EsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Austria: l’Europa continua la sua virata a Destra Catalogna: la Spagna lancia l'ultimatum per il 19 ottobre. GB: Johnson torna ad attaccare le istituzioni Ue
di

Le elezioni austriache e la vittoria di Kurz; i difficili trattati sulla Brexit; le posizioni di UE e USA sull’accordo per il nucleare iraniano; scontri in Kurdistan e tra Siria ed Israele; nuove tensioni in Venezuela; la Russia tenta di mediare con la Corea del Nord

EsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Sanzioni UE e contro-sanzioni russe: più fumo che arrosto Ecco perchè non hanno fatto troppo male: quelle UE sono a maglie larghe, riguardano settori molto specifici che non colpiscono la Russia dove più potrebbero far male; la Russia ha importato meno da tutti i Paesi partner causa la crisi, non le sanzioni
di

Nel 2014 il volume dell’import russo è stato di 9.5 miliardi di euro, nel 2015 è sceso a 7.5 miliardi e poco più di 7 miliardi nel 2016, nel 2015 e 2016 il volume dell’interscambio russo è stato molto più basso anche con Paesi considerati meno ostili come la Cina o la Turchia, l’import russo ha registrato nell’anno di riferimento dati negativi, rispettivamente il 16 e il 23 per cento in meno

1 2 3 35