Navigazione: politica estera

ItaliaEsteri
Ohibò! la politica estera fa notizia in Italia! parola dell’ISPI Come, quanto e perché la geopolitica è entrata nella dieta informativa dell’italiano. C’è lo spiega Arturo Varvelli, ricercatore e Direttore del Programma per il nord Africa dell’ISPI
di

Tre fasce d’età si interessano all apolitica internazionale, i giovani e gli adulti dai 25 ai 34 anni, e gli over -55. Crescono i diciottenni. Nel 2016, il 26% degli italiani si interessava alle notizie internazionali, mentre quest’anno si è registrata una crescita dell’8%, che vede, quindi, il 34% del popolo italiano interessato a riguardo.

ItaliaEsteriItalia
Italia prigioniera del ‘pregiudizio di conferma’? Il sondaggio del LAPS raccontato da Pierangelo Isernia, Professore di Relazioni Internazionali e Metodologia della Scienza Politica dell’Università di Siena
di

Il ‘pregiudizio di conferma’ (o ‘confirmation bias’), un meccanismo cognitivo che ci porta a riordinare elementi di realtà secondo le nostre convinzioni pregresse, diventa una funzione-chiave della comunicazione politica, oggi potenziata dal ricorso ai social network.

ItaliaEsteriItaliaEsteri
Il Grande Arazzo del Mondo
Non più 'rosso contro blu': la geopolitica del mondo odierno è un complesso mosaico che è essenziale comprendereNon più 'rosso contro blu': la geopolitica del mondo odierno è un complesso mosaico che è essenziale comprendere
di

Agli inizi degli anni ’90 alcuni eminenti studiosi lanciarono – supportati da analisi e dati scientifici – la teoria della ‘convergenza delle catastrofi’. La teoria, ripresa…

ItaliaEsteriItaliaEsteriItalia
Africa subsahariana: Italia in prima linea sul fronte sud
L'Italia sta ricoprendo sempre più un ruolo da protagonista in questo quadrante. Ne abbiamo discusso con Giovanni Carbone
di

L’Italia ha iniziato ad occuparsi di quest’area in maniera sistematica, piuttosto che dedicarsi a tale regione una tantum. A partire dal 2014 si è mantenuto un certo livello di attenzione su tali tematiche. Non a caso anche all’interno del recente G7 è stato ritagliato un ruolo importante per i Paesi africani