Navigazione: Niger

Italia: il Sud del Mediterraneo recupera centralità La missione italiana in Niger secondo le possibili declinazioni dell’ ‘interesse nazionale’. Intervista ad Arije Antinori, analista geopolitico e Coordinatore del Laboratorio ‘CRI.ME’ all’Università ‘La Sapienza’ di Roma
di

In prospettiva strategica, si assiste a una volontà, da parte italiana, di recuperare la centralità nel Mediterraneo e in Africa, con tutte le criticità espresse dalla politica securitaria degli ultimi anni.

Niger: stop (?) alla missione italiana Nonostante i pre accordi, il ministro degli interni nigerino vira contro l'intervento italiano nella regione saheliana. Ne abbiamo parlato con Marco Di Liddo, senior analyst del Centro Studi Internazionale e Luciano Piacentini, Generale e docente di Scienze politiche internazionali e dell’amministrazione presso l'Università Lumsa di Roma
di

L’impegno italiano nella regione è in una fase di stallo. Da una parte è difficile che la Francia abbia fatto pressioni per arginare la missione italiana, dall’altra la natura stessa dell’intervento deciso dal Governo fa nascere qualche dubbio

Moneta unica africana: il ruolo della Ue Un obiettivo da raggiungere gradualmente per assicurarne l'effiacia. L'intervista al prof. Umberto Triulzi (Sapienza) e all'europarlamentare Enrique Guerrero Salom (S&D)
di

Se n’è discusso nell’ambito della task force presidenziale ghanese, ad Accra, con la presenza del presidente del Togo, Faure Gnassingbe, del presidente del Niger, Mahamoudou Issoufou e del presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara.

Niger: mistero sulla missione italiana? Il Governo di Niamey nega di aver mai richiesto l'intervento di Roma. Intervista a Giacomo Zandonini, operatore sociale e culturale ma anche giornalista freelance
di

‘L’Italia è un soggetto un po’ nuovo che deve crearsi degli spazi con difficoltà. L’Italia sta giocando e giocherà la sua partita in una regione in cui, nonostante non abbia una posizione di forza, si sta accreditando con una certa credibilità’

Libia 2018: cosa aspettarsi nell’anno delle elezioni? Con Arturo Varvelli, (Analista Senior ISPI) facciamo il punto sulla situazione attuale e sugli scenari futuri della Libia
di

‘Per avere una piena democrazia non sono sufficienti libere elezioni ma è necessaria tutta una serie di cautele e di bilanciamenti che non sono presenti attualmente in Libia: Haftar è consapevole che far deragliare il processo democratico conduce il Paese tra le sue braccia; o quanto meno questa è la sua speranza, la sua strategia’