Navigazione: Evidenza

EsteriEsteriEsteri
ISIS, fine vicina. Usa: ‘Possibili attentati in Europa a Natale’ Catalogna: decisione corte belga su Puigdemont attesa per il 4 dicembre. May fiduciosa sull'inizio della fase 2 dei negoziati per la Brexit
di

Le forze governative irachene e le milizie filo-iraniane alleate hanno conquistato l’ultima cittadina in mano ai jihadisti, ma scatta l’allerta terrorismo nel Vecchio Continente. Arabia Saudita, Re Salman abdicherà la settimana prossima

EsteriEsteriEsteriEsteriItalia
La vita in… Sick Rose Maurizio Campisi ci racconta l’Italia degli anni ‘80, quando il rock ancora partecipava la storia da protagonista
di

‘La nostra generazione ha minato in maniera definitiva il legame che si stava costruendo tra gli Italiani dopo una guerra orribile, creando divisioni, disgregazione. La cosa peggiore è che oggi si sta peggio di allora, ma i nostri giovani sono tanto ammansiti che di ribellione non se ne vede nemmeno l’ombra’

EsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteri
Riforma del Regolamento di Dublino, ecco i principali punti in ballo La riforma, presentata dalla parlamentare liberale svedese Wikström, è frutto di un lungo negoziato che ha messo d’accordo sinistra, socialisti, verdi, liberali e popolari
di

Ma è lotta contro il tempo: si teme che ci sia un rinvio a primavera 2018 dell’esame da parte del Consiglio europeo, in attesa di vedere i risultati alle prossime elezioni

EsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteri
Accadde Oggi: Canale di Suez, dividere due Continenti per unire il Mondo 17 novembre 1869: l'inaugurazione. Lungo 193 chilometri, profondo 24 metri e largo poco più di 200 metri, oggi è percorribile da 78 navi al giorno
di

Quello della seconda metà del XIX secolo si apprestava a essere un mondo globalizzato. C’era bisogno quindi di velocità, i ritardi di pochi giorni iniziavano a essere considerati intollerabili: il canale di Suez risponde a questa esigenza

EsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Sicurezza ‘allargata’ nel Mediterraneo: l’Italia al centro dell’Iniziativa ‘5+5’ La cooperazione Nord-Sud con gli Stati dell'area maghrebina. Rapporti consolidati e debolezze strutturali nel tempo del ‘Nuovo Terrorismo Insurrezionale’. Prospettive per il 2018
di

Malta, Algeria, Tunisia, Libia, Marocco, Mauritania, Portogallo, Spagna, Francia, Italia: ecco i Paesi dell’ Iniziativa ‘5+5’, riuniti dal 2004 in ‘formato Difesa’, nell’intento dichiarato di aumentare lo scambio di informazioni ed esperienze e la fiducia cooperativa al servizio della Sicurezza nel Mediterraneo occidentale.

1 2 3 51