Navigazione: Erdogan

Turchia, elezioni anticipate: chi sfiderà Erdogan? Per capire le dinamiche di queste elezioni anticipate e le mosse dell’opposizione turca abbiamo intervistato Suha Bolukbasi, professore di Relazioni Internazionali ad Ankara, e Hakkı Uygur, vice-direttore di IRAM, think-tank turco
di

“L’opposizione è pronta ad affrontare il voto ed ha iniziato le negoziazioni per formare alleanze. Negli ultimi anni i partiti d’opposizione si sono fatti molto più intelligenti”.

Russia – Turchia: una prova di forza I conflitti in Siria al centro di un più ampio e multiforme confronto tra due potenze che sembravano finora di diverso rango
di

Dopo la distensione e l’avvicinamento, e malgrado l’inedita amicizia, le truppe di Erdogan hanno invaso il territorio siriano per sloggiare i curdi, forse prendendo di sorpresa comando e governo russi benchè Mosca, probabilmente per forzata compiacenza, abbia poi confessato un proprio preventivo nulla osta.

Turchia: là dove il pluralismo informativo non è di casa 178 testate, 16 canali televisivi, 24 stazioni radio, 63 quotidiani, 20 riviste e 30 case editrici: questo è il sistema informativo turco all’epoca di Erdogan. Ne parliamo con Alberto Negri, inviato speciale de ‘Il Sole 24 Ore’
di

C’è stato poi addirittura un caso, decisamente anomalo, di auto-censura: nel febbraio dello scorso anno un settimanale satirico, ‘Girgir’, ha deciso di chiudere i battenti per volere dei suoi stessi editori, a seguito di una vignetta definita dal portavoce di Erdogan, Ibrahim Kalin, «un fatto immorale che nulla a che fare con la libertà di stampa».

Turchia, cittadinanza a rifugiati siriani. L’arma di Erdogan per manovrare il futuro della Siria Erdogan promette la cittadinanza a migliaia di siriani, ma i requisiti rimangono ancora certi. Cosa si nasconde dietro a questa mossa del Presidente turco?
di

Ankara ha avviato un processo di naturalizzazione di migliaia di rifugiati siriani. Già nel 2016 Erdogan aveva annunciato che il Ministero degli Interni stava lavorando ad un piano per la naturalizzazione dei migliaia di siriani che avevano trovato ospitalità sul suolo turco

Russia in Siria, una vittoria di Pirro La sconfitta dell’ISIS ha reso ancora più esplosiva la situazione nel Medio Oriente. La conflittualità si estende anziché attenuarsi
di

Mosca ha reagito con moderazione alle mosse ostili o comunque sgradite di quelli che figuravano finora, malgrado tutto, come suoi avversari, ma anche dando via libera a quelle inopportune e pericolose dei propri amici, con l’inevitabile risultato di scontentare tutti e compromettere le proprie chances di aspirante arbitro o mediatore

1 2 3 11