Navigazione: democrazia

EsteriEsteriEsteriEsteri
La via totalitaria della Cambogia e la mano dura di Hun Sen Disciolto il partito di opposizione, arrestati giornalisti non allineati, leader politici d'opposizione in fuga verso l'estero o condotti in carcere
di

La Suprema Corte di Cambogia discioglie forzosamente il partito di opposizione Cambodia National Rescue Party. Blinda le prossime elezioni che si terranno il prossimo anno. La Comunità internazionale è ancora silente. Continua la campagna di arresti tra i giornalisti e gli operatori dei media non allineati

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: Rajoy, non c’è mediazione possibile tra un governo democratico e l’ illegalità Fulco Lanchester, professore ordinario di Diritto costituzionale italiano e comparato dell’Università “La Sapienza" di Roma, analizza la complessa situazione spagnola
di

Dunque, solo il chiarimento da parte del Presidente della Generalitad, Carles Puigdemont, avrà chiarito quanto è stato deciso ieri, determinerà gli eventi dei prossimi giorni circa la possibile applicazione da parte di Madrid dell’ articolo 155

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il Kurdistan di Massoud Barzani: strategie e interessi in gioco Indipendenza del Kurdistan: cosa accadrà dopo il referendum?
di

La strategia di Barzani oggi è lo specchio delle sue azioni passate. Il suo motto? Non accettare rivali. Il termine del mandato di Masoud Barzani, è spirato già due anni fa ma lui non si è fatto indietro. La sua presidenza non ha riguardato solo il boom del Kurdistan ma anche il suo periodo disastroso. 20 bilioni di dollari il debito accumulato, la democrazia è un ricordo lontano, i giovani sono soffocati dalla corruzione ed il patronato politico trionfa sulla meritocrazia.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La marea inarrestabile che ci spinge verso l’autoritarismo Cresce nell’opinione pubblica la convinzione che le democrazie abbiano fallito nel loro scopo di garantire benessere e coesione sociale, e che un certo grado di autoritarismo sia inevitabile
di

il futuro che ci attende sarà sicuramente meno democratico di oggi. Le democrazie, in sostanza, si sono rivelate troppo lente rispetto alla velocità dei cambiamenti: così lente da far temere che non siano in grado di vincere le sfide del futuro. «Le monarchie arabe stanno comunque compiendo passi da gigante nell’evolvere da realtà rette da clan feudali a tecnocrazie ibride rette dalla stabilità monarchica».

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Economia e Libertà spesso non s’incontrano in Sud Est Asia
Parecchie Nazioni Sud Est asiatiche hanno PIL che viaggiano forte ma questo non si traduce in liberalizzazioni né in democratizzazione della societàParecchie Nazioni Sud Est asiatiche hanno PIL che viaggiano forte ma questo non si traduce in liberalizzazioni né in democratizzazione della societàParecchie Nazioni Sud Est asiatiche hanno PIL che viaggiano forte ma questo non si traduce in liberalizzazioni né in democratizzazione della societàParecchie Nazioni Sud Est asiatiche hanno PIL che viaggiano forte ma questo non si traduce in liberalizzazioni né in democratizzazione della società
di

Folle di ragazzi in fila dalla notte precedente per il nuovo modello di I-phone, orde di giovani entusiasti di vestire alla moda con Jeans dai marchi…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Hong Kong, gli Ombrelli Gialli fanno infuriare la Cina
Pechino avverte tutti a muso duro: qualsiasi minaccia di Hong Kong verso la Madre Patria cinese verrà ritenuta “inammissibile”Pechino avverte tutti a muso duro: qualsiasi minaccia di Hong Kong verso la Madre Patria cinese verrà ritenuta “inammissibile”
di

Sono state ore parecchio tese a Hong Kong, soprattutto quelle relative alla visita del Presidente cinese Xi Jinping. Le Forze di Polizia hanno avuto il loro bel…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Libano: voto o non voto, è questo il problema?
I libanesi non si recano alle urne per le elezioni parlamentari dal 2009 e lo scoppio della guerra in Siria ha esacerbato le divisioni interne
di

La doppia velocità con cui si muove il Libano è il frutto di un divario sempre più marcato tra politica e società civile.