Navigazione: 2gennaio

Sud Sudan, pace in bilico e ipocrisia internazionale I vari attori regionali ed internazionali sono arrivati a constatare l’impossibilità di far prevalere i loro interessi economici tramite una vittoria delle fazioni alleate sud sudanesi
di

Il conflitto scoppiò il 14 dicembre 2013 e le possibilità che Rieck Machar potesse ottenere una vittoria lampo erano molto alte. La gestione etnica del potere, il dilagare della corruzione, l’incapacità di sviluppare il Paese e i stretti legami con la Cina, avevano reso Salva Kiir un ostacolo per gli Stati Uniti, Unione Europea e vari Paesi africani.

Iran: al centro delle proteste ci sono le donne Dopo 40anni di repressioni, è il momento di una nuova rivoluzione bianca. Ne parliamo con Shahrzad Sholeh, Presidente dell'Associazione Donne Democratiche Iraniane in Italia
di

‘E’ difficile strumentalizzare una rivolta come quella attuale che vede in campo tutte le classi e tutte le generazioni. Il popolo non cambia direzione in base ai Capi di Stato che appoggiano la rivolta, ma la gente in Iran ha bisogno di questi appoggi internazionali’

Trivellazioni petrolifere, ora tocca all’ Alaska Trump porta avanti le sue promesse elettorali ed apre l’Arctic National Wildlife Refuge alle industrie petrolifere
di

Da decenni, l’ANWR (Arctic National Wildlife Refuge) si trova al centro di un’aspra lotta tra i repubblicani favorevoli ad un’apertura dell’area all’industria petrolifera, chi vede nell’ANWR un’opportunità per lo studio scientifico, e democratici e gruppi ambientalisti preoccupati che le trivellazioni petrolifere possano provocare rischi di disastri ambientali