domenica, maggio 27

Sugar Factory, il ristorante più ‘instagrammato’ d’ America nel 2016 In cima alla classifica dei 25 ristoranti più 'instagrammati'

0

In cima alla classifica dei 25 ristoranti più ‘instagrammati’ d’ America nel 2016, Sugar Factory è un locale molto particolare e alla moda. Non è difficile trovarvi Britney Spears o Kim Kardashian: sono infatti innumerevoli le celebrità che partecipano a feste oppure ad eventi di beneficenza organizzati nella ‘Sugar Factory’.

A colpire, tanto gli adulti quanto i più piccoli, la moltitudine di colori che si possono trovare, dai dolci alle caramelle, allo zucchero filato e che stuzzicano l’ occhio dei clienti a tal punto da spingerli ad immortalare le curiose dolcezze che si possono degustare nella location. Ecco la cibo-mania che secondo alcuni esperti ormai è virale sui social. E’ sempre più difficile non condividere post ritraenti il cibo, ad esempio, su Instagram.

Intorno a questi post con relativi hashtag (#foodporn – #delicious) si sono affermati nuovi canoni del gusto e nuovi modi di accostarsi al cibo: una volta che le foto diventano virali, sono in grado di rivoluzionare le abitudini a tavola.  Secondo il report annuale della Waitrose Food and Drink realizzato in Gran Bretagna, c’è una probabilità cinque volte maggiori,  tra i giovani tra i 18 e i 24 anni,  di condividere foto di cibo, rispetto alle persone con età superiore ai 55 anni.

Rendere il proprio ristorante molto famoso sui social come Instagram, vuol dire una grande campagna di promozione quasi gratis, fatta dagli stessi clienti.

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore