mercoledì, agosto 22

Spazio, il turismo è dietro l’angolo Nel 2019 (al massimo 2020), le nuove navicelle di SpaceX e Boeing affiancheranno le Soyuz nel fare la spola da e per la Stazione spaziale internazionale

0

Avete la passione per lo Spazio? Volete provare a fare i turisti spaziali? Ora è possibile, o quasi. Nel 2019 (al massimo 2020), le nuove navicelle di SpaceX e Boeing affiancheranno le Soyuz nel fare la spola da e per la Stazione spaziale internazionale.

E ci sarà la possibilità per turisti paganti di raggiungere quindi lo spazio. Questa volta però, rispetto al passato, verranno addirittura messi in condizione di fare una passeggiata spaziale, al di fuori della Iss. A confermarlo Vladimir Solntsev, responsabile della società spaziale russa Energia.

L’anno prossimo Roskosmos, l’agenzia spaziale russa, dovrebbe lanciare il modulo NEM-2 che, agganciato alla stazione spaziale, potrà ospitare da 4 a 6 persone, tenendole lontane dagli astronauti, che continueranno con il loro lavoro. Il modulo sarà attrezzato con due bagni, cabine personali e collegamento Internet. In totale si potranno trascorrere dieci giorni.

Il primo turista dello spazio a lanciarsi fu Dennis Tito, che nel 2001, per 8 giorni scarsi in orbita, pagò 20 milioni di dollari. Il costo? 80 milioni di euro. Insomma non per tutti.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.