sabato, maggio 26

Siria, arrivano in nuovi ‘Terminator’ russi

0

Nato dall’esperienza russia nelle guerre in Afghanistan e Cecenia, è ora operativo in Siria il BMPT-72 ‘Terminator’, il veicolo di supporto ai carri armati del Cremlino. Il ‘Terminator’ nasce dalla necessità di ottenere un alto volume di fuoco di copertura contro le armi anti-carro nemiche, guidate e statiche. I normali veicoli che usano cannoni automatici per proteggere i carri risultano essere poco efficienti se confrontati al nuovo mezzo.

Il Terminator è figlio del Obyekt 199 ‘Ramka’, pensato nelle campagne in Afghanistan e Cecenia e successivamente ulteriormente sviluppato: durante la guerra in Cecenia, nel Gennaio del 1995, una colonna di 22 carri armati è stata quasi completamente distrutta nella capitale Grozny. L’obiettivo del Terminator è quello di ‘ripulire’ il campo di battaglia prima che i carri armati avanzino in tutta sicurezza.

Gli armamenti del nuovo BMPT consistono in due cannoni automatici 2a42 da 30 mm, e due lanciagranate automatici AG-30. Il veicolo è stato progettato dalla Uralvagonzavod – una compagnia russa – nei tardi anni ’90. La prima versione del ‘Terminator’ venne scartata e sostituita da una più avanzata e economica. Tra il 2011 e il 2013 l’esercito del Kazakhistan ha comprato una decina di veicoli.

Video tratto dal canale youtube ‘Southfront‘.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore