giovedì, maggio 24

Russia, ecco il PRS-1M: il missile che difenderà Mosca da possibili attacchi 'Il missile intercettore testato, che sostituisce i razzi 53T6 ormai a fine servizio, sono di fatto una nuova arma'

0

Sono stati testati con successo nel poligono di tiro di Sary-Shagan, in Kazakistan, i missili intercettori russi PRS-1M. Si tratta di un programma di aggiornamento del sistema di difesa missilistico esistente a Mosca e nel distretto centrale industriale A-135.

«Il missile intercettore PRS-1M testato, che sostituisce i razzi 53T6 ormai a fine servizio, sono di fatto una nuova arma», ha detto a ‘Sputnik‘ l’esperto militare russo e membro del Consiglio civico del ministero della Difesa Igor Korotchenko. «Rispetto alle dimensioni e caratteristiche del precedente razzo di contraerea, il PRS-1M è dotato di un nuovo propulsore e di apparecchiature elettroniche radicalmente nuove, sono notevolmente aumentate la velocità e l’altezza d’intercettazione del missile, così come l’efficacia della distruzione di obiettivi individuali e di gruppo».

Inoltre la Russia fa sapere che sta sviluppando contemporaneamente il nuovo sistema missilistico antiaereo di quinta generazione S-500, in grado di distruggere bersagli non solo nell’atmosfera, ma anche nello spazio vicino.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.