sabato, maggio 26

Porto Rico chiude le scuole per bancarotta

0

Porto Rico ha richiesto qualche settimana fa la bancarotta assistita. Il Paese deve ai suoi creditori una cifra enorme pari a 73 miliardi di dollari. E se pensiamo che l’ultima clamorosa bancarotta fu quella di Detroit nel 2013, pari a 18 miliardi di debito, le dimensioni sono presto fatte.

La bancarotta segna un nuovo minimo nei rapporti fra Wall Street e il governatore di Porto Rico Ricardo Rossello, che si era impegnato a ripagare i debiti e a rafforzare i legami con gli Stati Uniti. E la situazione è davvero grave. Infatti stanno per chiudere ben 179 istituti scolastici.

Secondo la ministra dell’Istruzione, questa possibilità fa parte di un più ampio piano di riprogrammazione delle scuole. Dal governo però si parla anche di opportunità per migliorare il sistema, con la ricollocazione di circa 27mila studenti. Ma Porto Rico è in crisi con le sue scuole già da tempo: fra il 2010 ed il 2015 ben 150 scuole hanno già chiuso i battenti, mentre il numero degli iscritti negli istituti pubblici è calato del 42% dal 1980 ad oggi. A peggiorare la situazione arriva anche il dato inerente il numero complessivo degli insegnanti, calato del 18% negli ultimi 10 anni. Ma si risparmieranno solo 7 milioni di dollari da queste chiusure. Una goccia in un mare di debiti.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.