Cultura&Società News

Eroi e Navigatori

Portare palme a Medjugorje con un gommone sgonfio

Un'altra settimana col peggio che la rete offre: Papi, scismi, madonne, palme e scosse ai testicoli

Palme Piazza Duomo Milano
Advertising

La terza puntata di Eroi e Navigatori ci porta ad esplorare ancor meglio, alla maniera dantesca, le profondità dell’abisso dell’ignoranza umana, che si staglia verso il basso come la caina nella quale si muove un Lucifero chiamato ‘odio’ e che non accetta nemmeno la verità (per quanto relativa possa essere) messa nero su bianco.

La prima notizia la conoscete già tutti: Papa Francesco sta prendendo in seria considerazione la possibilità di dichiarare Mejugorje, e il culto della Madonna che ivi si è creato, fuori da ciò che la Chiesa considera miracoloso e sacro. Il Papa ha, infatti, inviato un suo messo speciale col compito di capire se effettivamente la Madonna appaia tutti i giorni alla stessa ora (meglio dei treni di mussoliniana memoria) o se qualcuno abbia cercato di speculare su una diceria o una sensazione. I socil non hanno mancato di rimarcare come Papa Francesco stia sbagliando nel cercare di capire la verità. Suvvia Santo Padre, lo sa come la pensiamo qui in Italia riguardo le truffe, no? Ma lo sa che si sta tirando addosso l’ira delle cagnette a cui va sottraendo l’osso (tanto per citare De André)?

commento

Il Papa è Comunista! Anche se potrebbe sembrare una frase di Gabriele Paolini (il noto disturbatore dei collegamenti televisivi dei telegiornali) così non è. C’è un sacco di gente, là fuori, convinta che il Papa sia Comunista. O gay. O addirittura musulmano, come vorrebbe suggerire questo commento. Pensate se fosse comunista, eterosessuale e vicino alle tesi islamiche. È arrivato il Papa Nero! San Giovanni ci aveva avvertiti. Tralasciamo, poi, lo ‘smadonnamento’, pratica antichissima di chi, dopo aver letto certi commenti, proprio non ce la fa a tenersi tutto dentro.

La sensazione che Papa Francesco sia comunista è un sentore molto diffuso, quasi una convinzione. Pensate che ha addirittura incontrato quel cattivone di Fidel Castro. Direi che le condizioni necessarie ci sono tutte. Per dichiararlo un seguace di Lenin manca solo il video di lui che canta ‘l’Internazionale‘. Poi possiamo chiudere davvero tutto.

commento

Come vedete il vicario di Pietro potrebbe benissimo avere un suo personale piano per buttarsi in politica al fianco di SEL (Sinistra Ecologia e Libertà), lo prenderebbero subito.

C’è anche chi si chiede cosa diavolo ci faccia qui questo Papa quando la Patagonia è piena di chiese bisognose di comunismo e religione cattolica:

Commenti

Gli africani vengono qui, i siriani vengono qui, i turcomanni vengono qui, i rettiliani vengono qui, insomma: questo non aveva proprio niente di meglio da fare che venire a Roma? Poteva fare il Don Abbondio della situazione e invece ha scelto di fare il Fra’ Cristoforo. Ma guarda tu…

C’è anche chi fa un’analisi molto più pregna di senso e significato. Un commento che ci aveva fatti gridare al ‘miracolo’ in senso stretto. Peccato solo che dopo le prime due righe di lucidità lo/la scrivente si è ricordata di essere su internet dove, quasi per contratto, se non scrivi fesserie non ti considera nessuno:

commenti

E dire che aveva cominciato così bene, mostrandoci quanto la facoltà di dubitare fosse una vera e propria ricchezza dell’essere umano ma niente, la voglia di scrivere scemenze è forte quanto la sete di Dracula per il sangue.

Native Advertising

Un commento su “Portare palme a Medjugorje con un gommone sgonfio”

  1. Stefano scrive:

    Il compito di Hoser è puramente pastorale, per dare una guida spirituale a quella regione che non l’aveva dal 1981, percio’ non dite scemenze.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>