venerdì, luglio 20

Polonia: nuove proteste contro l’ aborto Centinaia di cittadini e di attivisti in piazza

0

Centinaia di cittadini e di attivisti delle associazioni pro-vita hanno manifestato per le strade di Varsavia raccogliendo l’invito dell’Arcidiocesi della capitale polacca. Le proteste erano contro l’ aborto e a favore delle adozioni. Proprio per promuovere le adozioni, era stata lanciata poco prima una campagna sui social media.

Attualmente, la legge polacca permette l’aborto in tre casi: in caso di deformazione del feto, in caso di pericolo per la madre e in caso di una violenza sessuale. Ma i movimenti cattolici sono contrari: vorrebbero imporne il divieto totale. Migliaia di persone sono scese in piazza in tutto il paese.

Già a gennaio, un’ondata di manifestazioni in Polonia contro il divieto di aborto con diverse migliaia di donne scese in piazza per difendere la propria libertà. Le proteste erano state promosse dall’organizzazione ‘lo sciopero nazionale delle donne’, in risposta al disegno di legge, chiamato “fermiamo l’aborto”, fortemente sostenuto dalla chiesa polacca. Ma la rabbia delle donne in piazza era stata causata dal fatto che la soluzione era passata non solo grazie ai voti dei deputati della maggioranza del partito conservatore Diritto e giustizia (Pis) del leader Jaroslaw Kaczynski, ma anche a causa dell’assenteismo di diversi parlamentari dell’ opposizione.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore