lunedì, novembre 20

Pensionati italiani, continua la fuga all'estero field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Download PDF

Una vita di fatica, di tanti sacrifici, poi arriva il giorno della pensione, ma altro che relax. Per migliaia di ex lavoratori in Italia il momento tanto atteso dell’addio al proprio impiego diventa non l’inizio di una nuova fase (felice) della propria vita ma una nuova lunga battaglia per sopravvivere, tra tasse e servizi che il più delle volte latitano. Un problema acuito dalla crisi degli ultimi anni, che ha costretto in tanti a reinventarsi un modo per andare avanti. E sono davvero in molti i pensionati ad essere al limite ogni fine mese. Secondo l’INPS, il 42,5% dei soggetti (pari a oltre 6,6 milioni) riceve in media 700 euro lordi mensili. Tra questi il 12,1%, pari a 1,9 milioni, è al di sotto dei 300 euro. Dunque un terzo in più di famiglie povere e il raddoppio della disoccupazione rispetto allo scorso anno. Necessario dunque trovare una soluzione.

Come descritto da noi di L’Indro lo scorso anno, è sempre più cresciuto il numero di pensionati che ha detto a malincuore addio all’Italia per cercare lidi più accessibili. Diverse le mete ‘appetibili’. Tra queste la Bulgaria, che presenta servizi nella media ma soprattutto un costo della vita decisamente accessibile, anche grazie alla mancanza dell’Euro: 50 mq appena fuori dal centro si affittano a 200 euro, l’automobile paga un bollo di 50 euro, al ristorante si cena con 7 euro e la spesa costa in media la metà che in Italia. Giusto per dare l’idea di cosa posso essere vivere lì. Certo, il clima non è dei migliori, ma di sicuro tanti pensieri in meno possono indorare la pillola. Ma non è la Bulgaria l’unica meta dei pensionati in cerca di felicità. Nel 2014 per l’ISTAT ben 473mila over 60 hanno dichiarato di vivere all’estero. E non è solo la questione economica a spingere ad andare via, ma anche la voglia di cambiare aria, la delusione di vivere in un Paese malgovernato, ma anche semplicemente poter usufruire di servizi (in primis sanitari) di buon livello e a costi inferiori.

Classifica luoghi per pensionati di International Living

 

Commenti

Condividi.

Sull'autore