domenica, giugno 24

Pennsylvania, è guerra agli oppiacei Il Governatore Tom Wolf: 'Emergenza disastrosa. Ha decimato troppe comunità ed è andato avanti per troppo tempo'

0

Con gli oppiacei che uccidono più persone di qualsiasi altra crisi sanitaria nella storia moderna della Pennsylvania, il Governatore Tom Wolf ha dichiarato che siamo di fronte ad un’emergenza disastrosa. Per questo ha stabilito che le norme che ostacolano l’accesso all’assistenza per le dipendenze è sospesa. È la prima volta che viene dichiarata un’emergenza sanitaria nel Paese.

«Non prendo questa iniziativa alla leggera, sappiamo che questa crisi ha richiesto troppe vite. Ha rotto troppe famiglie. Ha decimato troppe comunità ed è andato avanti per troppo tempo», ha detto Wolf. La mossa allevia alcuni regolamenti per aiutare i tossicodipendenti e il loro famiglie. Scadrà tra 90 giorni come richiesto dalla Costituzione dello Stato.

Gli oppiacei stanno davvero diventando un problema. La Pennsylvania ha il quarto più alto tasso di mortalità per overdose negli Stati Uniti. Dati preliminari condivisi da Wolf mostrano che nel 2017 sono morte 5.260 persone per overdose da stupefacenti , il più alto livello mai registrato e un quasi 15% in più rispetto all’anno precedente.

La proliferazione di una versione sintetica di fentalyn, un oppioide sintetico progettato per l’uso in ambienti medici, è stata la causa principale dello scatenarsi di overdose e decessi. Città e Stati in tutto il Paese alle prese con lo stesso problema.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.