Politica Opinioni

Il Contrappunto

Partito Democratico: il bullo, il rancoroso e lo sfigato

Il PD che fu: che tristezza, Signora mia…

partito-democratico
Advertising

Che tristezza, Signora mia, cara casalinga di Voghera, che guardi ‘Porta a Porta’ e ‘Dimartedì’, e ‘Politics Ref’ (pochino e pochine) e tutto il resto del Barnum elettorale del Referendum. Per cui domenica, finalmente, votiamo. E magari sei stata pure iscritta, a suo tempo, al Partito Democratico, o almeno hai confidato nell’Ulivo di Prodi e Parisi, credendo che fosse politica. Era, comunque, più o meno nobile politica. Ma in quanto politica comunque nobile. Era.

Che tristezza, o che rabbia e sono poi la stessa cosa, quasi, che fanno adesso il Bullo, il Rancoroso e lo Sfigato.

Che tristezza fa, Signora mia, cara casalinga di Voghera, il Bullo che ha incentrato tutto su di sé e adesso è pentito o quasi. Ma rilancia, e insulta, ed è ogni giorno più aggressivo, dimenticando il proprio ruolo. Aizzando. Così dopo il 4 dicembre 2016, vinca chi vinca, bisognerà ricostruire su macerie. Come dopo ogni guerra. E le guerre civili sono sempre le più incivili di tutte.

Che tristezza fa, Signora mia, cara casalinga di Voghera, il Rancoroso che non perdona di essere stato rottamato, ma come, a me, il Migliore, altro che Togliatti, il leader Massimo, altro che Fidel, ma come, a me, proprio a me… E sta dando una gran mano al Bullo a recuperare voti, ché ogni volta che lo si vede invitare a votare No, forse anche i più incalliti tra i ‘Costituzionalisti inorriditi’ (giustamente) della Riforma Costituzionale e Istituzionale hanno qualche dubbio.

Che tristezza fa, Signora mia, cara casalinga di Voghera, lo sfigato, che non è che abbia vinto le ultime Elezioni politiche, quelle del 2013, ma sosteneva che comunque «Non le abbiamo perse», e tra un sigaro, una birretta e un tacchino sul tetto è così sfigato, poveretto, che non ci si accorge neanche più che esista e che qualcosa, non si capisce benissimo cosa, dice e fa.

Il Bullo, il Rancoroso e lo Sfigato. Matteo Renzi, Massimo D’Alema e Pierluigi Bersani.

Native Advertising

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>