venerdì, aprile 20

Nato, il cacciatorpediniere Usa Oscar Austin in Bulgaria

0

La visita del cacciatorpediniere statunitense Oscar Austin al porto bulgaro di Varna «ricorda l’impegno di combattere insieme, se necessario». A dirlo il comandante della Sesta flotta statunitense e della Forza di attacco e supporto della Nato, il viceammiraglio Christopher Grady.

«La visita al porto di Varna da parte di una delle nostre navi principali, la Oscar Austin, è un segno tangibile dell’impegno a combattere insieme, se necessario», ha affermato il viceammiraglio Grady. La presenza delle navi militari statunitensi non è aumentata, secondo Grady, «è più una presenza continua, perché abbiamo mantenuto relazioni durature e salde con le forze navali bulgare».

Ma se la Nato si muove a est, sembra essere tutto fermo per quanto riguarda la lotta all’Isis. «Non abbiamo ancora preso una decisione sulla partecipazione della Nato alla coalizione anti-Isis e comunque non si tratterebbe di alcun impegno in operazioni di combattimento, che è fuori questione» ha fatto sapere il segretario generale Jens Stoltenberg. DI sicuro però la questione sarà in cima all’agenda del summit in programma il prossimo 25 maggio a Bruxelles, il primo a cui parteciperà il presidente americano Donald Trump che premerà sugli alleati perché rafforzino il loro impegno nella lotta al terrorismo.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.