mercoledì, settembre 19

My favourite game, le cose preferite dagli italiani Dai nostalgici ai classici dell' azzardo, ecco dove vanno le preferenze

0

Abbiamo tutti le nostre preferenze, in ambito culinario, nelle abitudini che perpetriamo, negli sport, nell’abbigliamento, ovviamente nella politica, militando o simpatizzando per un partito o per l’altro. Ormai, e finalmente, si parla con maggior libertà anche di preferenze di genere.

Ecco perché non si dovrebbe generalizzare sulle cose preferite di ognuno di noi, ma se invece dei gusti del singolo guardassimo a ‘noi’ intesi come italiani, va da sé che delle preferenze inevitabilmente emergono. Spesso sono associate anche a delle mode o delle influenze.

Oggi guardiamo ad una specifica preferenza che interessa statisticamente gli italiani: il gioco.

Scopriamo insieme i nostri giochi preferiti.

  • Quelli nostalgici sono in vetta alla classifica: hanno di recente rilanciato in formato floppy un video game per Amiga. Il Tetris impazza sempre nelle sue versioni tematizzate e 3d.
  • I classici dell’azzardo: il gusto del rischio, la chance di un fortuito incontro con la dea bendata e tutta la cultura cinematografica che rimanda ai tavoli verdi, sta spingendo sempre più persone a connettersi con i casinò virtuali, per una partita di poker o per una giocata alle slot online.
  • I giochi di ruolo: da quelli con le carte a quelli in collegamento grazie alla rete, con partecipati che gareggiano da ogni parte del mondo. E non dimentichiamoci che questo genere di giochi è molto vicino al role play mutuato dal teatro, dove appunto si interpreta un ruolo, scelto o assegnato, e ci si cala in una nuova identità.
  • Gli spara-spara: violenti ma anche loro intramontabili. Una volta si andava nella sala giochi e si impugnava una pistola di plastica attaccata con un cavo alla macchinetta, oggi tra Nintendo e compagnia bella la varietà di performance possibili è diventata enorme.

Ecco le cose preferite dagli italiani che, tanto per sparare qualche numero, spendono circa 37 miliardi di euro a semestre tra gratta e vinci e giocate al lotto.

Le ragioni per cui negli ultimi anni, in particolare il gioco on line, si preferisce ai classici giochi fisici situati nelle sale, ovviamente si riconduce all’influenza, pratica e reale, che le nuove tecnologie e il mondo digitale hanno conquistato e stanno progressivamente conquistando modi e abitudini tanto degli italiani quanto dei cittadino di tutto il mondo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore