giovedì, aprile 19

Mosul, ISIS alle corde e pronto ad attacchi chimici

0

Il premier iracheno, Haider al Abadi, si è recato ieri a Mosul, nella parte occidentale della città per una visita alle truppe impegnate nell’offensiva contro l’Isis. L’operazione militare sulla riva occidentale del Tigri è iniziata ormai da 60 giorni ed ora sarebbero sei i quartieri della zona che le forze irachene devono ancora liberare.

Secondo il capo dell’antiterrorismo, il generale Talib Shaghati Alkenan, è quasi completata la liberazione dei quartieri occidentali di Mosul. Al momento è stato preso il controllo di 32 dei 38 quartieri di Mosul ovest. Tra quelli liberati figurano alcune aree strategiche, come quella dell’aeroporto di Mosul e il centro di addestramento dell’Isis di Camp Ghazlani.

Intanto arriva la denuncia di un attacco chimico la scorsa notte: a farne le spese sono venticinque militari iracheni ed un numero imprecisato di consiglieri militari provenienti da Stati Uniti e Australia, anche se fonti governative statunitensi e australiane sminuiscono l’episodio, il secondo del genere dopo quello nella notte tra il 14 e il 15 aprile. Ma il portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, avverte: «Siamo estremamente preoccupati per le informazioni ricevute dalla Croce Rossa Internazionale e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per quanto riguarda l’utilizzo di sostanze tossiche da parte dell’Isis nella zona di Mosul».

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.