sabato, luglio 21

Migranti, via alla ricollocazione. L’ira dell’Ungheria Putin: 'Impossibile risolvere il problema della Corea del Nord solo con le sanzioni'. Siria, ancora combattimenti

0
1 2


La Corte di giustizia Ue ha respinto i ricorsi di Slovacchia e Ungheria contro le ‘relocation’ dei migranti richiedenti asilo da Italia e Grecia. Nella sentenza i giudici spiegano che «il meccanismo contribuisce effettivamente e in modo proporzionato a far sì che la Grecia e l’Italia possano far fronte alle conseguenze della crisi migratoria del 2015». In particolare nel 2015 i due Paesi avevano chiesto alla Corte di giustizia di annullarla sia per errori di ordine procedurale o legati alla scelta di una base giuridica inappropriata, sia perché non idonea a rispondere alla crisi migratoria, né necessaria a tal fine.

La decisione ha scatenato un putiferio di reazioni, soprattutto nell’Est Europa. A partire da chi si è opposto con più forza, ossia l’Ungheria. La decisione della Corte Ue è «oltraggiosa e irresponsabile e mette a rischio la sicurezza dell’Europa», ha tuonato il ministro degli Esteri Peter Szijjarto: «La sentenza è scandalosa e irresponsabile. Questa sentenza è politica, non giuridica, minaccia il futuro e la sicurezza dell’Europa, è contraria agli interessi delle nazioni e dell’Ungheria. Faremo tutto il possibile per difendere il nostro paese contro lo strapotere delle istituzioni dell’Ue. La battaglia vera comincia solo adesso».

Il presidente ceco Milos Zeman è altrettanto categorico: «Penso che non dobbiamo piegarci, non dobbiamo cedere alle minacce. Ora dico quello che a qualcuno non piacerà: nel caso peggiore è sempre meglio fare a meno dei finanziamenti europei che far entrare i migranti da noi».

«La solidarietà non è a senso unico. Ora bisogna andare avanti con i ricollocamenti e con le procedure d’infrazione avviate contro chi non rispetta la decisione della Commissione», ha detto il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani. Del tema migranti Tajani ha parlato questa mattina anche nel corso di una conferenza sulle priorità della politica europea rispetto alle elezioni che si svolgeranno nella primavera del 2019 per il rinnovo dell’Europarlamento. E ha ribadito la necessità di un ‘Piano Marshall’ per l’Africa per lanciare una strategia per lo sviluppo del continente che intervenga sui motivi che sono alla base dei flussi migratori verso l’Europa. «Bisogna investire molto in questa strategia, altrimenti non ci sarà soluzione al problema dei migranti illegali. L’Africa non può essere lasciata nelle mani dei cinesi», ha aggiunto Tajani.

Soddisfatto anche il commissario Ue Dimitris Avramopoulos: «La Corte di giustizia Ue ha confermato la validità dello schema dei ricollocamenti. E’ tempo di lavorare nell’unità e attuare in pieno la solidarietà». Intanto sulla questione migranti arrivano nuovi numeri, secondo cui ad agosto in Italia c’è stato un calo dell’81% degli arrivi di migranti rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. E c’è stato un calo del 66% rispetto a luglio, ha dichiarato Avramopoulos.

Passiamo alla questione Corea del Nord. Il governo giapponese ha alzato il livello di potenza del sesto test nucleare condotto dalla Corea del Nord fino a 160 chilotoni: «L’esplosione è stata largamente superiore a quella dei test precedenti, e non possiamo escludere che si tratti di una bomba all’idrogeno. Il regime di Pyongyang si sta evolvendo sia nello sviluppo balistico dei missili che nella tecnologia nucleare», ha detto il ministro della Difesa Itsunori Onodera. Intanto la Russia continua a frenare sulla possibilità di utilizzo della forza: «È impossibile risolvere il problema della Corea del Nord solo con le sanzioni: non dobbiamo mettere la Corea del Nord all’angolo, bisogna mantenere la lucidità», ha ripetuto il presidente Vladimir Putin in conferenza stampa con il suo omologo sudcoreano Moon Jae-in. Secondo la stampa di Seul, Putin ha in particolare respinto la richiesta del collega sudcoreano a favore del taglio dell’export di petrolio verso la Corea del Nord per spingerla a tornare ai negoziati.

In Siria invece è arrivato il rapporto della Commissione Onu sull’attacco con gas Sarin del 4 aprile scorso a Khan Sheikhun, nella provincia di Idlib, che causò la morte di 84 civili: «E’ stato compiuto da un aereo di fabbricazione russa utilizzato dalle forze militari del presidente siriano Bashar al Assad». La Commissione poi si dice ‘fortemente preoccupata’ dall’impatto dei raid della Coalizione a guida Usa sui civili. Nei pressi di Aleppo, lo scorso marzo, «le forze Usa hanno fallito nell’impegno di assumere tutte le precauzioni necessarie bombardando una moschea, in violazione del diritto umanitario internazionale». A Raqqa, prosegue il rapporto, «l’offensiva anti-Isis ha determinato 190.000 sfollati, e i raid della Coalizione hanno causato un numero significativo di civili uccisi o feriti». Su questi ultimi episodi le indagini sono ancora aperte. Intanto, violenti combattimenti sono in corso a Dayr az Zor, nell’est della Siria, dove i jihadisti dell’Isis hanno risposto con un contrattacco alle truppe lealiste.

Parlando di jihadisti, la polizia spagnola ha annunciato lo smantellamento in cooperazione con quella marocchina di una cellula con basi nell’enclave di Melilla e in Marocco. Sei persone sono state arrestate, fra cui il presunto capo del gruppo terrorista. Secondo il ministero, gli uomini fermati realizzavano addestramenti notturni e preparavano attentati.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore