sabato, maggio 26

Lina, la prima macchina bio al mondo

0

Gli studenti dell’Università di Tecnologia di Eindhoven hanno presentato la prima auto bio al mondo. Si chiama Lina e a spiegare il progetto è stato il direttore del team Quinten Oostvogel: «Abbiamo sviluppato un materiale bio basato sulla pianta del lino, che usiamo come struttura sulla vettura . Così il telaio completo, il corpo dell’auto e l’interno sono fatti di materiali a base di bio».

«La pianta ha fibre molto forti e lunghe che possiamo usare nei nostri compositi e insieme al nucleo bio-base delle barbabietole da zucchero siamo stati in grado di costruire il telaio completo dell’auto con prodotti bio». «Il lino ha una struttura estremamente resistente», ha detto Van der Beuken, «se lo sovrapponi ad angoli diversi puoi realizzare pannelli pari a quelli di fibra di carbonio e alluminio, che vengono utilizzati ampiamente nella produzione regolare di automobili».

Il progetto di Lina ha visto il supporto della divisione Traffic Solutions di TomTom. Il suo presidente, Carlo van de Weijer, ha dichiarato: «L’idea stupida di ieri è la svolta di domani. Hanno pensato a qualcosa che non mi sarebbe mai venuto in mente». I materiali leggeri utilizzati nella costruzione di Lina hanno il vantaggio di ridurre il consumo di carburante, ma l’effetto è annullato dalla maggiore energia necessaria per produrre la vettura. La Lina ha un motore elettrico e può trasportare quattro persone ma al momento è un progetto poco fattibile per le case automobilistiche.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.