sabato, febbraio 17

Libia: un caveau potrebbe risolvere i problemi finanziari field_506ffb1d3dbe2

0

I problemi finanziari in Libia, causati dalle devastazioni dello Stato Islamico e dall’opposizione di due governi rivali, potrebbero essere risolti. La produzione del petrolio è attualmente meno di un quarto dei 1,6 milioni di barili al giorno, che venivano prodotte in Libia sotto l’ex leader Muammar Gheddafi. Una crisi fortissima, che ha portato ad una carenza catastrofica di denaro contante. La soluzione? Una cassaforte con oro e monete d’argento del valore di 184 milioni di dollari, salvate durante il governo di Muammar Gheddafi e coniate proprio in suo onore. Tuttavia, sarebbe necessario il codice a cinque cifre per aprire il deposito, attualmente in un caveau a Beyda.
Secondo i media, il governo rivale di Tripoli avrebbe il codice, che non intende fornire per il timore che il denaro potrebbe essere utilizzato per finanziare le milizie dell’opposizione.

I media americani hanno evidenziato un altro problema: anche aprendo la cassaforte, tutte le monete recano il volto di GheddafiAli El Hibri, il governatore della Banca Centrale della Libia orientale, ha detto: «le monete non si possono mettere in circolazione così come sono. Io non voglio causare alcuna controversia mettendo in circolazione il volto di Gheddafi».

Al momento, Hibri ha deciso di cercare l’aiuto di ladri professionisti per rompere il serbatoio contenente 184 milioni. Insomma, il caos politico ha costretto il capo della Banca Centrale a misure disperate.

(Video tratto dal canale Youtube: RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

it_ITItalian
it_ITItalian