lunedì, aprile 23

Le diverse tradizioni natalizie nel mondo Dai 'Krampus' austriaci alla 'Notte dei ravanelli' messicana

0

Fra le tradizioni più bizzarre, quella austriaca: una creatura demoniaca vaga per le vie della città spaventando i bambini, soprattutto quelli che non si sono comportati bene ed è Krampusil complice malvagio di San Nicola.

 

Anche se, al momento, è una novità, anche in Giappone viene salutato l’ arrivo del Natale, attraverso le colorate illuminazioni  e lo scambio dei doni. Tuttavia si è consolidata una tradizione: il giorno di Natale, i giapponesi si abbuffano di pollo della celebre catena Kentucky Fried Chicken.

Ad Oaxaca, in Messico, il 23 dicembre, viene celebrata la Notte dei ravanelli (night of radishes), una tradizionale festa in cui ortolani e fiorai fanno a gara per realizzare delle speciali composizioni ravanelli, cioè fiori secchi, sempre verdi. Ad ispirare gli artigiani le immagini della nascita di Gesù.

Non poteva mancare la Befana italica. E’ una donna molto anziana che vola su una scopa e fa visita ai bambini nella notte dell’ Epifania, tra il 5 e il 6 gennaio. Riempie, se meritevoli, con dolci le calze lasciate dai bambini sul camino.  Se i bambini si saranno comportati male durante l’ anno, troveranno le calze riempite con di carbone o di aglio.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore