mercoledì, settembre 19

Lavori a casa, possibili detrazioni fino al 65% Grazie alle agevolazioni fiscali e alle semplificazioni normative, si può migliorare la propria abitazione, anche con il fai da te. Tutto ciò sarà possibile, però, fino al 31 Dicembre 2018

0

L’ estate è il momento ideale per fare alcuni tipi di lavori in casa. Che si tratti di installare i condizionatori o di sistemare il verde e gli spazi aperti, quello che si deve sapere è che esistono delle agevolazioni che si possono ottenere per effettuare questo tipo di lavori.

Sebbene sia sempre il momento giusto per cercare di rendere la propria casa ancora migliore e più funzionale, ci sono alcuni momenti dell’anno migliori di altri. Ad esempio, come detto, nel periodo estivo si può pensare agli spazi outdoor, magari creando un angolo verde o realizzando uno spazio per il barbecue, installando un gazebo e così via. Ma non solo: anche i condizionatori o una bella rinfrescata ai muri sono dei dettagli da non trascurare,

Rendere confortevole la propria abitazione è sempre un piacere ed è per questo motivo che di sicuro è utile sapere che si possono ottenere anche delle detrazioni fiscali per farlo nel migliore dei modi e con un risparmio non indifferente.

Risulta molto utile, quindi, conoscere quali sono i bonus ai quale si può accedere per avere degli sconti. Partendo dal climatizzatore, se non si devono effettuare dei lavori di ristrutturazione, è possibile richiedere una detrazione fiscale pari al 50% su un lasso di tempo di 10 anni. Per farlo, però, il climatizzatore deve essere necessariamente a pompa di calore e, quindi, permettere il riscaldamento anche di inverno. Per ottenere questa detrazione non ci sono autorizzazioni da richiedere né si deve contattare l’Agenzia delle Entrate. È sufficiente fare tutto secondo la norma e pagare con uno dei metodi tracciabili, così da poter verificare il pagamento.

Bisogna ricordare che in caso di condizionatori ad alta efficienza energetica la detrazione aumenta, arrivando al 65%. In questo specifico caso, però l’iter è un po’ più complesso perché, alla fine dei lavori, si devono inviare dei documenti all’Enea, così da dimostrare l’efficienza energetica di quello che si è montato.

Per tutto il resto entra in gioco il nuovo decreto dell’edilizia libera. Dal 22 aprile 2018 ci sono 58 opere che possono anche non avere permessi e autorizzazioni. Rientrano nella lista gazebi, pergolati, barbecue e molto altro ancora. Naturalmente ci sono dei limiti e delle dimensioni da rispettare, ma il tutto diventa estremamente più semplice. Lo stesso discorso vale anche per gli spazi verdi che possono essere sistemati con più facilità rispetto al passato, anche quando si tratta di spazi condominiali.

Tante, quindi, le norme che facilitano la messa in atto di migliorie di questo tipo e che permettono a chi decide rinnovare questi spazi di ottenere delle detrazioni fiscali, che sono da sempre un incentivo molto amato dagli italiani e non solo!

Tutti questi incentivi, inoltre, stimolano la voglia di fare fai da te, una pratica apprezzata e sempre in auge. A tal proposito, si deve sottolineare che, grazie a degli shop online, si possono acquistare tutti gli strumenti necessari a dei prezzi contenuti. Ad esempio, se si ama il fai da te, si deve dare uno sguardo a quella che è la sezione dedicata su Giordanoshop.com  che è ricca di utensili e di strumenti utili per fare tutto quello che si desidera al fine di rendere la propria casa più bella e più confortevole.

Sono tante, come si nota, le possibilità che si hanno e sono tutte da cogliere al volo, così da migliorare l’ambiente in cui si vive o il proprio spazio verde andando a risparmiare delle cifre anche molto importanti. Ricordiamo che i bonus in questione sono, però, in scadenza il 31 Dicembre 2018 e, pertanto, è utile affrettarsi a realizzare i lavori necessari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore