mercoledì, settembre 19

La stanca Leopolda di Renzi, e Di Maio e Berlusconi non sono da meno Un 'nuovo' che sa di vecchio, quello che offrono i tre protagonisti della campagna elettorale in pieno svolgimento

0

Valgono i versi di Eugenio Montale:  «…Codesto solo oggi possiamo dirti,/ ciò che non siamo, ciò che non vogliamo». Ben altro era il contesto, la poesia è del 1923. Ma oggi, quasi cent’anni dopo, anche se la crisi è di altra natura, lo sbandamento, la confusione, la mancanza di punti di riferimento, sono simili. Anche oggi la stessa incapacità di governare gli eventi, l’assenza di proposte e divisioni‘, la vacuità stessa degli slogan. E’ affermazione da acchiappacitrulli quella di un Matteo Renzi, che chiudendo la sua ennesima Leopolda dice che la mancia degli ottanta euro è l’aiuto più consistente everoper le famiglie da quando c’è la Repubblica.
Non è che gli altri competitori siano da meno. Ma la ‘rivoluzione liberale’ è affidata davvero a Luigi Di Maio, ogni volta che apre bocca uno pensa che Antonio Razzi, al confronto, è un dilettante che da lui ha tutto da imparare?
Resta il terzo, Silvio Berlusconi. Quando il leader di Forza Italia veniva sbertucciato per i suoi non molti centimetri d’altezza, s’era in pochi a obiettare che la polemica non deve svilirsi sull’aspetto fisico. Però Berlusconi, con i suoi continui ‘tagliandi’ in cliniche specializzate a Merano e dintorni, fa del suo meglio perchè ci si intrattenga sul suo viso plastificato o i capelli mille colori incollati col Vinavil. Propone un Governo d’una dozzina di esponenti della società civile e meno di dieci politici. E questo sarebbe un programma, una garanzia? C’e’ davvero bisogno di ricordarla l’infinita lista dei ‘tecnici’, degli esponenti della società civile e dei ‘capaci’ con il loro sterminato catalogo di corbellerie e scempiaggini? Ci si dia, piuttosto, politici avveduti, sagaci, capaci di circondarsi e valorizzare ‘tecnici’ di provata esperienza e conoscenza, ma sempre sotto l’usbergo del politico.
Dalla renziana  Leopolda è venuta la conferma che il vuoto, in natura, può esistere. Dalla convention berlusconiana si ricava che non è un paradosso il longanesiano sbagliando s’impera. Da Di Maio la conferma che il peggio non ha mai fine. Programmi, soluzioni, alternative all’esistente? A ogni di queste tre domande, la risposta è negativa.
Ve lo ricordate tutti, vero, Giuseppe Lanza di Lampedusa, il suo: «Noi fummo i Gattopardi, i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti Gattopardi, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra».
Ecco: è unnuovo che sa di vecchio, quello che offrono i tre protagonisti della campagna elettorale in pieno svolgimento. Al tempo stesso è unvecchioche non ha nulla di nuovo. Ed è avvilente per chi frequenta e conosce la politica di questo Paese da ormai quarant’anni, pensare che questa classe politica, in larghissima misura è composta da buoni a nulla capaci di tutto. Questo, ahinoi, è ilnuovo‘. Avanzi

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore