martedì, agosto 21

La Nasa prenota biglietti per Marte Fino al 1 novembre 2017 c’è la possibilità, tramite il sito dell'agenzia spaziale statunitense, di prendere il tagliando per il Pianeta Rosso

0

Il 5 maggio 2018 la Nasa dovrebbe inviare una nuova sonda chiamata InSight verso Marte. E a partire insieme a lei, ad oggi, sono quasi due milioni di persone. Una colonizzazione in pieno stile del Pianeta Rosso? Troppo presto, perché ancora deve atterrare il primo uomo su Marte, ma si tratta di un’abile mossa di marketing della Nasa.

I nomi di chi vorrà partecipare alla missione saranno caricati su un chip che verrà inserito nella struttura della sonda. Fino al 1 novembre 2017 c’è la possibilità di ‘prenotare’ un biglietto per Marte, e basta andare nel sito dell’agenzia spaziale statunitense ed inserire i propri dati. Al termine dell’operazione sarà possibile anche stampare la propria carta d’imbarco.

Non è la prima volta che l’Agenzia spaziale americana offre una possibilità del genere. Già nel 2013, con la missione Maven, circa 100.000 persone scrissero il proprio nome su un Cd installato a bordo della sonda. Nel 2014 1,3 milioni di persone salirono invece a bordo della capsula Orion come passeggeri virtuali del primo volo sperimentale del futuro erede dello Space Shuttle.

Ma  InSight non porterà solo i nomi di milioni di persone su Marte. Come si legge nelle pagine dedicate alla missione, «per la prima volta analizzerà in profondità il suolo marziano studiandone le caratteristiche attraverso le onde sismiche. Sia per mezzo di quelle ancora eventualmente causate dall’attività interna del pianeta che di quelle generate da impatti di meteore. Una missione, quindi, pensata per studiare la geologia marziana con lo scopo di comprendere meglio la formazione dei pianeti rocciosi, compresa la Terra».

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.