Politica Video

La Moldavia tra Europa e divisioni interne

Il premier moldavo: "siamo determinati a continuare il nostro percorso europeo"

Advertising

La Moldavia è come se fosse un Paese spaccato a metà, almeno dal punto di vista politico. Una parte è quella che vuole stringere sempre di più le proprie relazioni con l’Europa, ed è la parte rappresentata dal primo Ministro moldavo Pavel Filip, che martedi ha incontrato a Bruxelles i vertici delle istituzioni europee con l’obiettivo di rassicurare e rasserenare gli animi. L’altra è quella rappresentata dal nuovo presidente Igor Dodon, eletto recentemente dalla maggioranza degli elettori della Moldavia, un filo russo che vuole allentare i legami con l’UE.

Ma il primo ministro in visita a Bruxelles rassicura «La Moldavia rimane una repubblica parlamentare. In questa forma di governo le decisioni sono prese dal parlamento e attuate dal governo. Quindi siamo determinati a continuare il nostro percorso europeo».

Il premier sottolinea anche la valenza economica dell’accordo «Siamo arrivati ad un accordo di assistenza microfinanziaria per la Moldavia per un importo di 100 milioni di euro, di cui 40 milioni sono sovvenzioni. E nel giro di pochi giorni saranno erogati anche circa 45 milioni di euro per i programmi che sono stati valutati. Vuol dire che che relazioni con l’Unione europea sono tornate alla normalità

Nel 2014 la Moldavia ha firmato un accordo commerciale con l’Unione europea, a cui Mosca ha risposto con l’imposizione di un embargo sui prodotti agricoli provenienti dalla piccola Repubblica. Il nuovo Presidente non potrà ignorare la rilevanza economica della partnership europea nelle sue valutazioni sulla strategia di avvicinamento al blocco russo.

Native Advertising

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>