lunedì, aprile 23

La Corea del Sud e il suo esercito: istruzioni per l’uso Le forze armate della ROK e la loro evoluzione in campo militare

0
1 2


Oggi, la Corea del Sud possiede un esercito ben equipaggiato in grado di contrastare le forze armate della Corea del Nord. A questo proposito, il report ‘Military of South Korea’ pubblicato su ‘New World Encyclopediadescrive come sia composto l’esercito e perché la Corea del Sud sia diventata una delle più grandi potenze militari del mondo.

Dal 1948 ad oggi, l’esercito sudcoreano ha subìto una notevole evoluzione. Da forza di polizia insufficiente e poco equipaggiata quale era, è diventata una delle forze militari più avanzate, addestrate e attrezzate del mondo. Per contrastare l’esercito nordcoreano composto da circa un milione di soldati, la Corea del Sud ha imposto a tutti gli uomini coreani di prestare servizio militare per almeno due anni.

Negli ultimi decenni, grazie al miglioramento delle condizioni economiche, la Corea del Sud è riuscita a sviluppare l’Esercito, la Marina Militare, l’Aeronautica e ad addestrare dei soldati che, adesso, sono in grado di affrontare un attacco nordcoreano da soli. Ciò ha portato ad un ripensamento del sostegno militare da parte degli Stati Uniti nei confronti della Corea del Sud, anche se né il Governo sudcoreano né gli USA vogliono che la Corea del Nord commetta lo stesso errore avvenuto nel 1950, durante la Guerra di Corea, quando pensava che gli Stati Uniti si sarebbero ‘seduti a guardare’.

La Corea del Sud possiede uno dei più grandi eserciti permanenti del mondo, la Forza Armata delle Repubbliche Coreane, altrimenti detta, la forza armata ROK, caratterizzata dalle seguenti componenti:

-Esercito della Repubblica della Corea (ROKA)

-Marina della Repubblica della Corea (ROKN)

-Corpo dei Marines della Repubblica della Corea (ROKMC)

-Aeronautica della Repubblica della Corea (ROKAF)

Sebbene la Legge sull’Organizzazione delle Forze Armate Nazionali preveda che la Marina Militare comprenda il Corpo dei Marines, il ROKMC è diventata un’organizzazione semi-autonoma che riesce a svolgere molte delle sue funzioni in maniera indipendente.

Oltre alle forze armate, il Governo sudcoreano è composto dalle forze di riserva della Repubblica della Corea (ROKRF) e dal Corpo di Difesa Civile della Repubblica della Corea (ROKCDC).

Creato nel 1948, dopo la divisione della penisola coreana dovuta al fallimento dell’Unione Sovietica, che voleva consentire elezioni libere e democratiche nel nord, l’esercito sudcoreano svolge principalmente funzioni di polizia.

Lo scoppio della guerra di Corea ha colto impreparate le forze armate sudcoreane, di conseguenza è stato necessario l’intervento dell’Esercito americano per affrontare il conflitto. Nonostante i militari sudcoreani si siano ripresi in fretta durante la guerra, il numero delle vittime è stato enorme.

Così accadde che, mentre i Sovietici armavano la Corea del Nord, gli Stati Uniti equipaggiavano ed addestravano le milizie sudcoreane durante tutta la durata del conflitto armato. Poi, grazie all’armistizio avvenuto tra la Corea del Sud e la Corea del Nord, i militari sudcoreani hanno avviato un programma accelerato per costruire un Esercito forte e ben equipaggiato e, poiché l’economia della Corea del Sud si è espansa tra il 1953 e il 1980, il Paese è diventato sempre meno dipendente dagli Stati Uniti (attrezzature, formazione e truppe), beneficiando di diversi progetti innovativi dal punto di vista tecnologico e di iniziative di difesa personale.

Attualmente, la Marina Militare sta seguendo un rigoroso programma di costruzione navale per creare una flotta entro il 2020. Durante la guerra del Vietnam, i marines sudcoreani hanno combattuto a fianco degli Stati Uniti, acquisendo il rispetto sia della popolazione locale che dei loro nemici, guadagnando così il soprannome di ‘Demon-hunters’, ovvero ‘Cacciatori di demoni’ provenienti dal Vietnam.

Oggi, le forze armate ROK mantengono la sovranità e l’integrità territoriale della repubblica e sono, spesso, impegnati in iniziative umanitarie e di soccorso di disastri a livello nazionale.

Recentemente, la forza militare della ROK ha allargato il numero delle alleanze internazionali, riconoscendo il suo ruolo e la sua supremazia nel diventare il decimo potere economico del mondo in termini di PIL. L’esercito della ROK ha, inoltre, partecipato a varie operazioni di mantenimento della pace in Africa, nel Timor Est e, più recentemente, in Iraq e in Afghanistan.

Le forze armate della ROK hanno investito nella modernizzazione sin dagli anni Ottanta, continuando fino ad oggi. La Corea del Sud gode, infatti, di un mix di armi avanguardiste che si mescolano con quelle più datate. La Repubblica di Corea possiede uno dei più grandi equipaggiamenti di difesa al mondo (sebbene sia seconda nell’Asia orientale), entrando di diritto nella classifica dei primi dieci. La sua forza risiede nell’aver incluso, nel proprio sistema di produzione, armi provenienti sia dall’America che dall’Europa.

Il sito web GlobalSecurity.org afferma che «nel 1990, le industrie della Corea del Sud hanno fornito circa il 70 per cento delle armi, munizioni, sistemi di comunicazione e altri tipi di attrezzature come veicoli, abbigliamento e altri accessori ai militari».

Oggi, la Corea del Sud è alleata con gli Stati Uniti, come è indicato nel trattato di mutua difesa firmato dopo la guerra di Corea, e partecipa ai giochi nazionali di guerra militari regionali, pan-pacifici e alle esercitazioni militari come la RIMPAC (Rim of the Pacific Exercise) e la RSOI (Reception, Staging, and Onward Movement Integration).

Secondo la Costituzione della Corea del Sud il servizio militare, le tasse, l’istruzione e la manodopera sono obbligatori. Attualmente, il governo sudcoreano recluta solo uomini, anche se le donne possono candidarsi come ufficiali volontari.

Il servizio militare varia a seconda del ramo: ventiquattro mesi per l’esercito e il corpo dei marines; ventiquattro mesi per la Marina Militare e ventisei mesi per l’Aeronautica. Recentemente, la popolazione ha richiesto un accorciamento del termine o un passaggio al servizio militare volontario.

L’esercito, inoltre, condivide un sistema comune di gradi che utilizza diversi colori per indicare le diverse parti di cui è composto. Per esempio, l’Esercito usa il verde e il nero, la  Marina usa il bianco e il nero; il Corpo dei marines il giallo e il rosso e l’Aeronautica il verde e il blu. L’Esercito della ROK, dal 2004, è composto da oltre 560.000 militari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore