sabato, maggio 26

Javier Valdez, il giornalista nemico del narcotraffico

0

E’ morto, raggiunto da alcuni colpi di pistola, il giornalista e scrittore messicano Javier Valdez Cárdenas. Il giornalista era a Cualiacán, capitale dello Stato nordoccidentale di Sinaloa. Fondatore del portale di notizie Riodoce, 50 anni, collaborava come free lance anche per l’agenzia France Presse e nel 2011 aveva vinto il premio Libertà di Stampa del Comitato per la protezione dei giornalisti e il ‘Maria Moors Cabot’ con la squadra del settimanale Riodoce.

Esperto di narcotraffico e criminalità organizzata, Valdez lavorava anche per il quotidiano la Jornada di Sinaloa. I sicari lo hanno raggiunto davanti alla sede del suo giornale. Era uno dei giornalisti messicani più impegnati nel seguire la cronaca della guerra fra le diverse organizzazioni narcos a Sinaloa, l’ex feudo del chapo Guzman.

Valdez aveva già riferito all’organizzazione Index on Censorship di aver ricevuto minacce nei confronti suoi e della sua famiglia, minacce che avevano l’obiettivo di interrompere alcune sue inchieste. E già diverse sue fonti e collaboratori erano stati fatti fuori.

Cardenas è il quinto giornalista ucciso in Messico da inizio 2017, dopo altri omicidi negli stati di Guerrero, Veracruz, Chihuahua e Baja California Sur.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.