martedì, agosto 21

Italia – Turchia: ENI gas, un patrimonio italiano ed europeo «Nel Mediterraneo, gioca un ruolo di leadership che è funzionale agli interessi nazionali, ma anche europei»

0

«L’Italia si aspetta una soluzione condivisa nel rispetto del diritto internazionale e nell’interesse sia dell’ ENI, sia dei Paesi della regione, sia delle due comunità cipriote». A dirlo, il Ministro degli Esteri Angelino Alfano in occasione dell’ incontro con l’ omologo turco Mevlut Cavusoglu in Kuwait a margine della ministeriale della Coalizione anti-Isis. Nella stessa occasione, l’Alto rappresentante Ue per la politica estera, Federica Mogherini, ha incontrato il capo della diplomazia turca. «L’Unione europea sta continuando a seguire gli sviluppi della situazione molto da vicino» ha dichiarato il portavoce della Commissione, Margaritis Schinas. Ieri, la portavoce della Commissione europea, Mina Andreeva, non aveva nascosto l’ insofferenza nei confronti di Ankara, esprimendo la necessità che la Turchia rispetti « la sovranità degli Stati membri sulle acque territoriali e sullo spazio aereo» e si impegni  «inequivocabilmente a mantenere buone relazioni di vicinato ed evitare qualunque fonte di frizione, minaccia o azione verso uno Stato membro che possa danneggiare le buone relazioni e impedire una definizione pacifica delle dispute».

Di fronte al gruppo parlamentare del suo Akp, il Presidente turco Erdogan ha lanciato un altolà: «Non bisogna pensare che le ricerche di gas al largo di Cipro e le iniziative opportunistiche sulle rocce nel Mar Egeo sfuggano alla nostra attenzione. avvertiamo quelli che hanno superato i limiti a Cipro e nel Mar Egeo di non fare calcoli sbagliati». 

Dunque, sembra molto lontana dall’ essere risolta l’ impasse che da ormai diversi giorni vede una Piattaforma galleggiante Saipem 12000 bloccata da navi da guerra turche, impedendole  di raggiungere la sua destinazione, ovvero il Blocco 3 della ZEE (Zona economica esclusiva) di Cipro. Al centro delle contestazioni vi sarebbe il diritto della Repubblica Turco Cipriota del Nord ad ottenere ricavi economici dallo sfruttamento di quelle risorse.

A quanto pare, però, Erdogan, nella sua visita a Roma dello scorso 4 febbraio, aveva già sollevato la questione richiamando l’ attenzione sulla concessione di sfruttamento di giacimenti gassosi, rilasciata all’ ENI da Nicosia, nel Blocco 3: «i lavori (di esplorazione) del gas naturale in quella regione rappresentano una minaccia per Cipro nord e per noi» avrebbe detto il politico turco. Inoltre la Turchia figura tra i Paesi non firmatari della Convenzione Onu sul diritto del mare (Unclos).

Dal canto suo, il Ministro degli esteri di Nicosia, Ioannis Kasoulides, ha sostenuto che Cipro è in contatto con la società e con il governo italiano. La Grecia, attraverso il Ministero degli Esteri, ha sostenuto che «la Turchia continua a sfidare la legalità internazionale violando in modo flagrante i diritti sovrani della Repubblica di Cipro nel Mediterraneo orientale. Chiediamo alla Turchia di non intraprendere ulteriori azioni e di rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale» ed ha lodato la postura di Cipro «che riafferma il suo ruolo di pilastro della stabilità nel Mediterraneo orientale». Inoltre,  le autorità greche hanno denunciato che la scorsa notte una pattuglia della guardia costiera turca avrebbe speronato un proprio mezzo.

Non può non contare anche il fatto che l’isola di Cipro risulta divisa in due: nella parte sud, la Repubblica di Cipro, di lingua greca, riconosciuta dalla Comunità Internazionale e che rivendica la propria sovranità su tutta l’ Isola; nella parte nord, la Repubblica Turca di Cipro del Nord, auto-proclamatasi indipendente nel 1983 ed è riconosciuta dalla sola Turchia. La Repubblica Turca di Cipro si estende sul territorio conquistato dall’ esercito turco dopo l’invasione turca di Cipro del 1974, decisa in risposta al colpo di Stato militare che depose l’allora Presidente dell’ isola, l’arcivescovo greco-ortodosso Makarios.

L’ ENI, il cui 30% è del Ministero dell’Economia e Finanze e di Cassa Depositi e Prestiti che è titolare, anche, del 12 % Saipem, della quale la compagnia petrolifera nazionale detiene il 30% e che è proprietaria della nave per perforazione battente bandiera delle Bahamas bloccata dalle navi turche, è presente a Cipro dal 2013 ed ha ottenuto ben sei licenze situate nelle acque economiche esclusive della Repubblica nei Blocchi 2, 3, 6, 8, 9 e 11, di cui cinque in qualità di operatore.

La settimana scorsa, ENI aveva annunciato «di avere effettuato una scoperta a gas nel Blocco 6,nell’Offshore di Cipro, attraverso il pozzo Calypso 1. Il pozzo, perforato in 2.074 metri di profondità d’acqua e a una profondità totale di 3.827 metri, ha incontrato una estesa colonna mineralizzata a gas metano in rocce di età Miocenica e Cretacica. Le sequenza Cretacica ha ottime proprietà di reservoir. Sul pozzo è stata eseguita una intensa e dettagliata campagna di campionamento sui fluidi e sulle rocce. Calypso 1 è una promettente scoperta a gas e conferma l’estensione del tema di ricerca di Zohr nelle acque economiche esclusive di Cipro. Per una valutazione accurata delle dimensioni della scoperta sono richiesti nuovi studi e un programma di delineazione. Eni è l’Operatore del Blocco 6 con una quota del 50% e Total è partner con il restante 50%».

In occasione delle recenti scoperte, il Ministro dell’Energia di Nicosia, Giorgos Lakkotrypis, aveva affermato, a seguito di una riunione con il Capo dello Stato in materia energetica, che «i risultati sono molto incoraggianti: una riserva (di gas) è stata localizzata, ma la morfologia del particolare obiettivo è complessa e quindi serve più tempo». Ma «Eni non fa annunci pubblici se non ci sono scoperte» aveva precisato il Ministro, ribadendo l’ “ottima qualità” della riserva scoperta, perché costituita da “lean gas”, ossia una particolare tipologia di gas naturale povero di idrocarburi liquidi, forse «più pulito di quello di Zohr».

«In Egitto abbiamo trovato il paese giusto, altrimenti Zohr non sarebbe stato possibile, in soli 27 mesi dopo la scoperta.E’ veramente un momento magico, non solo tecnologico: è qualcosa che non è mai accaduto prima. Non bisogna avere paura di sbagliare. Quando si lavora insieme si fanno errori, ma bisogna andare avanti insieme come in una famiglia. In Egitto, il progetto di Zohr è all’80 – 82 per cento a tecnologia e forza lavoro egiziana. Bisogna avere fiducia nei propri partner», ha sostenuto l’ Amministratore delegato di ENI Claudio Descalzi che ha sottolineato come sia possibile raggiungere l’ obiettivo di 1,8 miliardi di piedi cubi entro fine anno. Anche Zohr, giacimento, entrato in funzione a fine 2017, situato nelle acque territoriali egiziane che custodirebbe circa 850 miliardi di metri cubi di gas naturale, è stata una scoperta di ENI che ha firmato, insieme alla francese Total e alla russa Novatek (aggiudicandosi rispettivamente il 40%, il 40%e  il 20%), due contratti con il governo del Libano per l’esplorazione e la produzione di gas sottomarino nei blocchi 4 e 9. Quest’ ultimo è nella zona di mare contesa, la cui sovranità è rivendicata da Israele, a cui fanno capo i grandi giacimenti offshore come “Leviathan” , scoperto e gestito dalla compagnia americana Noble a 130 km nord-ovest dalla città di Haifa, e quello di “Tamar”.

«Non ci aspettavamo che accadesse perché siamo assolutamente molto dentro l’Economic zone di Cipro»  ha detto l’amministratore delegato di ENI, Claudio Descalzi, in risposta ai giornalisti al Cairo. Intervistato dal quotidiano greco Kathimerini,  però, il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva criticato l’ENI per l’inizio delle attività esplorative nel blocco 6 della Zee cipriota: «Non c’è bisogno di dire che non permetteremo mai le esplorazioni non autorizzate di idrocarburi e altre attività nella nostra piattaforma continentale».

Molti si sono domandati se dietro la reazione di Ankara si nasconda il tentativo di impedire qualsiasi intromissione nella propria politica energetica, cercando di preservare il ruolo di ‘hub’ data la strategicità del suo territorio, crocevia di importanti gasdotti (Tanap, Tap) e riducendo la propria dipendenza energetica da altri attori come la Russia, nell’ ottica di una maggiore diversificazione.  Proprio per questo, la Turchia si è chiamata fuori dal memorandum d’intesa del novembre 2017 tra Grecia, Italia, Israele e Cipro per la costruzione del gasdotto EastMed finanziato anche da fondi Ue.  «L’Italia e l’Europa hanno interesse a garantirsi un altra fonte di approvvigionamento di gas, a parte quello proveniente dalla Russia o quella in corso di esaurimento dal Mare del Nord. Israele è un partner energetico serio e affidabile». aveva constatato, lo scorso anno, il Ministro israeliano dell’Energia, Yuval Steinitz al termine dei colloqui con Carlo Calenda, responsabile dello Sviluppo economico, precisando che «realizzare il gasdotto tra Israele e Italia, attraverso Cipro e la Grecia è uno dei nostri obiettivi, considerati i giacimenti di gas naturale del nostro paese e il fabbisogno che servirà all’Europa e all’Italia in particolare nei prossimi anni. Come ho spiegato ieri al ministro Calenda, il progetto è ambizioso e contiamo di portarlo a termine in 4-5 anni coinvolgendo anche i privati».

Quest’ ultimo progetto, insieme alla scoperta di Zohr e a largo di Cipro, potrebbe facilitare la diversificazione energetica europea e controbilanciare l’ importanza del gasdotto Nordstream, che dalla Russia giunge in Europa passando per l’ Ucraina, e di un possibile Nordstream 2, alla cui realizzazione, che porrebbe la Germania in una posizione di maggior forza, si sono opposti gli Stati Uniti, ma anche diversi Paesi membri dell’ UE, tra cui l’ Italia.

A quanto detto si aggiunga che la Strategia nazionale energetica (Sen) al 2030, presentata qualche mese fa dal governo di Roma, indica l’uscita anticipata del nostro Paese dal carbone nella generazione elettrica tra 8 anni, nel 2025. A renderlo possibile, il progressivo ricorso ad una “energia di transizione”, ossia il gas, facendo leva sui “corridoi di liquidità”, come il Tap in Puglia o l’Eastmed, aumentando l’ indipendenza da Mosca che, al momento, garantisce il 38% dei consumi complessivi nazionali.

A partire dalla vicenda della nave SAIPEM, facciamo il quadro dell’ importante lavoro che ENI fa non solo per l’ Italia, con Nicolò Sartori, responsabile del programma “Energia, clima e risorse” e responsabile di ricerca presso il programma “Sicurezza, difesa, spazio” dello IAI, ricostruisce

Come spiega la reazione della Turchia contro la nave SAIPEM 12000 di Eni?

Si è detto che quella di Erdogan possa essere una presa di posizione nei confronti della nave di Saipem co-gestita per conto di ENI – in seguito a colloqui poco soddisfacenti con Mattarella e Gentiloni la scorsa settimana. Secondo me, in realtà, la questione è molto più articolata e collegata, più che altro, alla scoperta che è stata fatta qualche giorno prima nel pozzo Calypso 1. Una scoperta che potrebbe avere delle spiegazioni abbastanza rilevanti nell’ ottica delle risorse localizzate nel giacimento e che arriva sette anni dopo la scoperta di ‘Afrodite’, in un momento in cui la Turchia è abbastanza isolata dal punto di vista internazionale – si pensi agli Stati Uniti e all’ Unione Europea – e dal punto di vista regionale – si all’ altro player politico ed energetico, l’ Egitto, ai ferri corti con Ankara; c’è poi la questione dello status di Cipro e dei negoziati che sono falliti. Quindi, questa scoperta ha risvegliato un campanello d’ allarme turco nei confronti della regione e di Cipro, in particolare sullo sviluppo delle risorse energetiche nei fondali dell’isola.

Visualizzando 1 di 3
Visualizzando 1 di 3

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore