lunedì, giugno 18

Italia: a Milano, il ‘Panettone più grande del mondo’ 140 kg di peso, è stato tagliato in 1.200 fette

0

Un Guinnes che rende fiera l’ Italia: il Panettone più grande del mondo” , preparato dalla Pasticceria San Gregorio. Il Panettone da record di 140 kg ed è stato tagliato in 1.200 fette distribuite nella Galleria Vittorio Emanuele di Milano dagli studenti del Capac, la scuola di formazione di Confcommercio Milano.

L’ iniziativa, che si è tenuta domenica 17 dicembre alle 16.30, era stata patrocinata dal Comune di Milano e della sua organizzazione si era occupata Confcommercio Milano, in collaborazione con Camera di Commercio Metropolitana, Fiera Milano Spa,  Apa Confartigianato Imprese Milano, Monza e Brianza, oltre che l’ Unione Artigiani di Milano e Provincia. Erano presenti,  il Presidente di Camera di Commercio e Confcommercio Milano Carlo Sangalliil Sindaco di Milano Giuseppe Salail Presidente di Fiera Milano Lorenzo Caprio e i Presidenti di Apa Confartigianato Imprese Milano, Monza e Brianza Giovanni Barzaghi e di Unione Artigiani di Milano e Provincia Stefano Fugazza

Per realizzare il ‘Panettone più grande del mondo’ sono stati impiegati quattro giorni di lavorazione, 10 kg di pasta, 69 kg di farina, 15 kg di tuorli, 27,6 litri d’acqua, 18 kg di zucchero, 27 kg di burro,  18 kg di uvetta, 11kg di canditi d’arancia. La cottura è stata effettuata in un forno di due metri di altezza per 1,5metri di larghezza.

«Il panettone è un grande simbolo di qualità del Made in Milan, con un giro d’affari solo nell’area metropolitana di oltre 60 milioni di euro. E’ conosciuto nel mondo e merita di ottenere, come la pizza, il marchio Stg, ovvero Specialità tradizionale garantita, dell’Unione Europea» ha detto Carlo Sangalli, nel suo intervento.

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore