giovedì, giugno 21

Israele contro Hamas: colpiti gli obiettivi a Gaza Israele conferma di aver colpito con successo i bersagli

0

Gli aerei da guerra israeliani hanno colpito gli obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza in un nuovo round di rappresaglia. L’esercito israeliano ha detto che l’aereo ha colpito i tunnel di Hamas e due obiettivi navali.

«I velivoli dell’Aeronautica Israeliana hanno colpito un’infrastruttura terroristica sotterranea appartenente all’organizzazione terroristica di Hamas nella Striscia di Gaza settentrionale e altri due obiettivi militari appartenenti alla forza navale dell’organizzazione terroristica di Hamas»,si legge in una dichiarazione militare in inglese. «Gli scioperi sono stati condotti in risposta all’evento che si è svolto ieri mattina, durante il quale un certo numero di terroristi si è infiltrato in Israele e ha dato fuoco ad un posto militare».

Un carro armato israeliano ha sparato verso Hamas martedì scorso, dopo che gli abitanti di Gaza hanno sfondato la barriera e hanno bruciato una posizione militare senza equipaggio. Non ci sono state notizie di vittime degli scioperi di mercoledì, uno dei quali ha fatto scoppiare un’imbarcazione nel porto di pesca di Gaza City.

Le tensioni tra Israele e Gaza sono aumentate vertiginosamente dal 30 marzo, quando i palestinesi hanno iniziato a protestare per il diritto di ritorno delle loro famiglie fuggite o espulse nel 1948, durante la guerra che circondava la creazione di Israele. Un totale di almeno 118 palestinesi sono stati uccisi dal fuoco israeliano, secondo le autorità di Gaza. Nessun israeliano è stato ucciso durante quel tempo.

Ed Israele dice che le sue azioni sono necessarie per difendere il confine e fermare le infiltrazioni di massa dal territorio. Inoltre, accusa Hamas, con il quale ha combattuto tre guerre dal 2008, di cercare di usare le proteste come copertura per compiere violenza.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore