Politica Video

Irlanda: il Primo Ministro Kenny a rischio dimissioni

L'immagine del leader sporcata dallo scandalo decennale sulla corruzione nelle forze di polizia

Advertising

Enda Kenny, il Primo Ministro irlandese in carica dal 2011, sta affrontando la più grave crisi della sua carriera politica. Lo scandalo che lo vede coinvolto riguarda false affermazioni in merito al contenuto di un incontro tra il membro del suo Governo, Katherine Zappone (Minister for Children and Youth Affairs), e il Sergente Maurice McCabe, uno dei due funzionari di polizia irlandese che denuciarono, nel 2006, la cattiva condotta e la corruzione dilagante nelle forze di sicurezza del Paese.

Al centro del fenomeno rivelato dagli ex poliziotti, c’è la corruzione del sistema nazionale di attribuzione delle multe per violazioni del codice stradale e la sistematica scomparsa dai casellari di sanzioni imposte a celebrità, politici e uomini d’affari, nel corso degli anni. Tale denuncia è costata a McCabe una lunga serie di minacce e ritorsioni tanto che il ‘New York Times‘ ha parlato in proposito di un nuovo ‘caso Serpico‘, riferendosi alla vicenda del poliziotto italo-americano che, in seguito alla denuncia della corruzione nel Dipartimento di polizia di New York, venne emarginato e subì persino a un agguato.

Nelle scorse settimane infatti, due media irlandesi, il quotidiano ‘The Irish Examiner‘ e la Tv pubblica irlandese ‘RTE‘, hanno riportato la notizia chel’Agenzia per la protezione dell’infanziaha creato un file sul Sergente McCabe contenente false accuse di abusi sessuali su minori. L’incontro tra la Zappone e McCabe, stando alla stampa locale, avrebbe dovuto riguardare proprio questo fatto, ma il Taoiseach (Capo della Repubblica d’Irlanda) ha negato di esserne a conoscenza prima dell’inchiesta proposta dai due media irlandesi. Gli stessi mezzi di informazione hanno anche sottolineato che questa non è la prima volta che il funzionario viene accusato, erroneamente, di crimini simili.

Kenny, dal giugno 2002 leader del partito centrista ‘Fine Gael‘ (Famiglia degli irlandesi), è anche accusato di eccessiva vicinanza alle forze dell’ordine e, in particolare, di non aver risolto il problema nel 2014 quando, l’allora Ministro della Giustizia, Alan Shatter, si dimise proprio in seguito a questo scandalo. All’epoca un’indagine ordinata dallo Stato stabilì che ci fu, da parte di Shatter, una cattiva gestione delle denunce di corruzione nella polizia avanzate da McCabe. Shatter fu accusato di sostenre il Capo della polizia Martin Callinan, il quale era stato spinto al pensionamento anticipato, in seguito alla dichiarazione fatta alla ‘Public Accounts Committee’ (Commissione d’inchiesta parlamentare) in cui definì le parole del funzionario ‘abbastanza disgustose‘. Sempre nel 2014 fu accertato che lo stesso Ministro Shatter beneficiò di questo sistema corruttivo quando, fermato a un posto di blocco nel quale si effettuavano controlli per l’acool, evitò il test dell’etilometro sostenendo che l’asma gli impediva di soffiare nell’apparecchio.

Due giorni fa, Enda Kenny e il suo Governo, sono scampati a una mozione di sfiducia proposta dal partito Repubblicano all’opposizione Sinn Fein, guidato dall’ex militante dell’Irish Republican Army (IRA), Gerry Adams. Ma lo scandalo che ha colpito l’immagine del Primo Ministro trova concordi analisti e bookmakers, che non credono alle possibilità di sopravvivenza del Governo in carica e indicano il giorno di San Patrizio, quando Kenny si recherà in visita alla Casa Bianca, come data più probabile per la caduta dell’Esecutivo. In caso di elezioni anticipate i sondaggi danno il partito Repubblicano Fianna Fail (in gaelico ‘Soldati del destino’), guidato da Micheál Martin, come probabile vincitore.

(Video tratto dal canale Youtube di ‘Journal.ie‘)

Native Advertising

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>