sabato, maggio 26

Iran: oggi si vota

0

In Iran, oggi, quasi 57 milioni di cittadini sono chiamati alle urne sia per le 12esime elezioni presidenziali nella storia della Repubblica islamica, e per eleggere i rappresentanti nei Consigli municipali. La competizione su cui sono concentrati gli occhi del mondo è quella per il nuovo capo dello Stato: gli iraniani dovranno scegliere se andare avanti con il riformista Hassan Rohani o far tornare al potere i conservatori. Il principale rivale di Rohani è Ebrahim Raisi.

63.429 i seggi in tutto il Paese, 103 gli Stati in cui gli iraniani all’estero possono votare, 4 i candidati rimasti in lizza per la presidenza, ma la battaglia sarà tra due, 350.000 gli uomini della sicurezza dispiegati, 500 i giornalisti stranieri accreditati. Questi, in sintesi, i numeri di questa tornata elettorale.

La battaglia, si è detto, sarà tra Hassan Rohani e Ebrahim Raisi, uno scontro diretto tra i riformisti (di Rohani) e i conservatori (di Rasi). Gli altri 2 candidati ammessi dal Consiglio dei Guardiani    -erano 1.300 gli iscritti, di cui almeno 20 di rilievo, tutti scartati tolto 6, l’espulso di rilievo è stato il già due volte Presidente Mahmoud Ahmadinejad e ancora in corsa per la presidenza sono Mostafa Aqa-Mirsalim e Mostafa Hashemitaba. Si sono ritirati: Mohammad Baqer Qalibaf -a favore di Raisi- e Eshaq Jahangiri -a favore di Rohani.
Mirsalim è un conservatore, ingegnere che ha studiato in Francia e che è stato Ministro della Cultura a metà degli anni Novanta. 69 anni, ex consigliere di Khamenei quando questi era Presidente negli anni ’80, è assente dalla vita politica iraniana negli ultimi due decenni, ha un basso profilo pubblico. Hashemitaba è un riformista, è stato vice Presidente sotto Akbar Hashemi Rafsanjani e ha ricoperto il ruolo di Ministro dell’Industria pesante nei primi anni Ottanta. Già nel 2001 partecipò alle presidenziali con scarsi risultati, ancora in corsa, all’ultimo momento ha invitato anche lui i cittadini a votare per Rohani.

L’affluenza alle urne potrebbe essere decisiva. Tanto i candidati, quanto il leader supremo Ali Khamenei hanno lanciato un appello a una partecipazione massiccia al voto.
Gli elettori conservatori sono solitamente i più fedeli alle urne per cui, secondo diplomatici e analisti consultati dall’agenzia ‘Efe’, un’affluenza alta potrebbe far pendere la bilancia a favore di Rohani. Nel 2013, quando Rohani fu eletto la prima volta, la partecipazione fu del 73% circa. Secondo una recente rilevazione dell’agenzia di stampa di Stato ‘Irna’, l’affluenza potrebbe attestarsi intorno al 67%. Stando al sondaggio, il 27,8% è d’accordo con la visione delle cose dei riformisti, mentre il 23,3% si trova in linea con i conservatori e un 14% con i moderati, mentre gli altri hanno dichiarato che non propendono per nessuno dei blocchi.
Rohani è il candidato di moderati e riformisti e per lui hanno chiesto il voto figure di rilievo di questa corrente, come l’ex Presidente Mohammed Khatami e i leader del cosiddetto Movimento Verde. Il fronte conservatore è guidato dal religioso Ebrahim Raisi, custode della fondazione del mausoleo dell’imam Reza a Mashhad.
Il risultato non è affatto scontato, anche guardando i numeri della propensione al voto di ‘Irna‘.
Rohani, rivendicando i progressi dovuti alla sua apertura al resto del mondo, ha provato a mobilitare il suo potenziale elettorato avvertendo dei rischi di un ritorno all’isolamento internazionale e alle restrizioni delle libertà in caso di vittoria di Raisi. Il conservatore si è concentrato sulle promesse di un miglioramento della situazione economica e del pugno duro affinché le potenze occidentali rispettino gli impegni sottoscritti nell’accordo nucleare del 2015, nonché sulla garanzia di salvaguardare i principi islamici.
L’accordo sul nucleare è stato, in questa campagna elettorale, divisivo più che mai, così come la politica estera, e l’economia, nel contesto della quale il peso della struttura militare controllata dai religiosi è silente quando grande. Un ruolo tutt’altro che secondario lo potrebbero avere le donne e il loro attivismo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore