Politica News

I primi 100 giorni di Donald Trump

Ecco che cosa farà Trump quando entrerà alla Casa Bianca. Non si sa nulla della sua squadra

trump-alla-casa-bianca-primi-100-giorni
Advertising

Il 20 gennaio 2017, il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, successore di Barack Obama, presterà giuramento a Washington per un mandato di quattro anni e, come sempre, i primi 100 giorni saranno determinanti.

Se manterrà fede rispetto a quanto ha sostenuto in campagna elettorale, nei suoi primi 100 giorni si metterà a lavorare a passo di marcia fin dal primo giorno per cambiare il Paese. Di recente ha parlato di «un primo giorno molto occupato». «Il cambiamento comincerà già dal mio primo giorno», ha insistito il candidato repubblicano. Il miliardario ha promesso di «restituire all’America la sua grandezza», rilanciando l’economia e proteggendo gli americani. Il programma di questi 100 giorni che dovrebbero cambiare l’America lo ha illustrato nei dettagli il 22 ottobre a Gettysburg, in Pennsylvania, storico luogo della guerra di Secessione e di un celebre discorso del Presidente Abraham Lincoln del 1863. Tutto senza aver annunciato la sua squadra, a partire da chi ricoprirà il ruolo strategico di Segretario di Stato.

Donald Trump vuole annunciare subito la sua «intenzione di rinegoziare» il Trattato di libero scambio nordamericano (Nafta), e il ritiro degli Usa del partenariato transpacifico (Tpp); l’altro trattato, quello con l’Unione Europea, che già era fermo ai blocchi di partenza, finirà negli scantinati della Casa Bianca.
Revocherà le restrizioni alla produzione di energie fossili, rilancerà il progetto dell’oleodotto Keystone XL al quale il Presidente Barack Obama aveva messo il veto nel febbraio 2015 e annullerà i contributi di miliardi di dollari promessi alle Nazioni Unite per i programmi di lotta ai cambiamenti climatici.
Il tycoon ha promesso di lanciare le espulsioni di «oltre 2 milioni di migranti criminali e a annullare i visti di Paesi stranieri che non li raccoglieranno». Inoltre, ha detto che sospenderà «l’immigrazione dalle regioni inclini al terrorismo», e attiverà dei «controlli estremi alle frontiere».

Tutte queste misure fanno parte di un ‘contratto’, secondo Trump, ‘rivoluzionario’, con gli elettori americani. Donald ha promesso anche di dichiarare immediatamente guerra a quella che descrive come la corruzione a Washington, limitando il numero dei mandati di deputati e senatori al Congresso, congelando le assunzioni dei funzionari federali e vietando per cinque anni ai dipendenti ed eletti di Casa Bianca e Congresso di diventare lobbysti. Trump vuole anche annullare tutti i decreti presidenziali che giudica anticostituzionali, firmati dal presidente Barack Obama.

Nonostante le tensioni con il suo partito, che con il voto di ieri ha mantenuto la maggioranza alla Camera e al Senato, Trump ha promesso di lavorare con il Congresso per introdurre e spingere all’adozione di un piano economico per la creazione di 25 milioni di posti di lavoro in dieci anni, tramite sostanziali tagli alle tasse per la classe media e le imprese.
Con l’obiettivo di una crescita del 4% all’anno.

Il muro alla frontiera messicana sarà finanziato, secondo Trump, e interamente rimborsato dal Messico. Una pena di prigione di minimo due anni sarà imposta a tutti i clandestini espulsi che ritornino negli Usa. Il repubblicano lavorerà anche all’abolizione in tempi più rapidi possibile della legge sull’assicurazione sanitaria denominata Obamacare. Nel suo programma figurano anche 1.000 miliardi di dollari di investimenti nelle infrastrutture in dieci anni grazie a partenariati pubblico-privati e investimenti privati incoraggiati da sgravi fiscali.

Il suo discorso di Gettysburg si è fermato alle frontiere degli Stati Uniti. Nessun dettaglio di politica estera figura nel suo programma dei primi 100 giorni, anche se la sua intenzione di riallacciare il dialogo con la Russia di Vladimir Putin è stata tra i grandi temi della campagna elettorale, come pure il suo atteggiamento nei confronti della Nato, che considera obsoleta ed eccessivamente gravosa in termini di bilancio per gli Usa.

Native Advertising

Un commento su “I primi 100 giorni di Donald Trump”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>