martedì, agosto 21

Governo, Interno e Inferno Barnum Italia. Leoni, funamboli, ippopotami e pagliacci / 3

0

Venghino Signori venghino, non sapete quello che ho, venghino Signori venghino, giuro che vi stupirò, con il Governo e tutto quel che so dell’Interno e dell’Inferno. Venghino Signori venghino, un minuto solo non più, venghino Signori venghino, la pazienza è una virtù. A chi ha bisogno di compassione io venderò la mia disperazione, per chi la prende è un’occasione e chi l’avrà non se ne pentirà. Venghino Signori venghino, qui si paga tutto metà, venghino Signori venghino, anche l’infelicità. Venghino Signori venghino, tante cose belle per voi, venghino Signori venghino, comprerete prima o poi. Per chi ha bisogno di un bel rimorso ho questo qui avuto l’anno scorso, è una moneta ancora in corso, e chi l’avrà non se ne pentirà.

Venghino Signori venghino, tutta roba di qualità, venghino Signori venghino vendo solo rarità. Venghino Signori venghino, è stupendo quello che c’è, venghino Signori venghino, paghi uno e prendi tre. A chi subisce la sua paura io venderò questa mia scorza dura, è una corazza più che sicura e chi l’avrà non se ne pentirà. Venghino Signori venghino, noi non vendiamo cose finte, venghino Signori venghino, piano, piano, niente spinte. Venghino Signori venghino, basta poco per comprare, venghino Signori venghino quel rancore è un vero affare. Per chi va in cerca di una risposta io non ce l’ho che troppo cara costa, ma posso dargli la faccia tosta e se l’avrà non se ne pentirà.

Venghino Signori venghino, tutto quanto tranne pietà, venghino Signori venghino, l’ho finita tempo fa. Venghino Signori venghino al grande mercato dei buoni sentimenti. Avvocati, meccanici, giudici, cuochi, idraulici, imprenditori, politici accomodatevi. Prezzi modici, approfittatene. Buoni sentimenti ormai introvabili. Approfittatene. Tutti possono acquistare un buon sentimento a un prezzo modico. Onesto amore vi propongo, il vero unico originale amore cristiano. È un’offerta unica, avvicinatevi. Pietà, solidarietà, affetto, umanità e un giro il pomeriggio nei talk dei ‘buoni sentimenti’ che poi diventano i peggiori. Ché naturalmente in questo nostro fantasmagorico ‘Barnum Italia’ l’unica loro vera autentica interpretazione consiste nel buttare a mare chi si trova in difficoltà, sia il ‘mare’ reale o metaforico. Soltanto da queste parti potete trovare gli originali. Diffidate dalle imitazioni. Avvicinatevi e portatevi a casa un vero ‘buon sentimento’ andato a male. Non abbiate paura, il gioco è inoffensivo anche se può essere molto contagioso.

Si vendono ‘buoni sentimenti’ ai migliori offerenti, umani sentimenti persi in questo mare di niente. Come quelli che nel mare ci si perdono davvero, ma se stavano a casa loro non gli succedeva proprio niente. Si vendono pallidi pensieri proibiti, inafferrabili ricordi sbiaditi. Si vendono polveri d’amore, profumi di prati tagliati, incensurabili preti ubriachi… Notti magiche e mignotte rampanti in cene eleganti, visioni telescopiche, fandonie incredibili, Governi impensabili. Passioni di cuori di brace, intelligenti discorsi di pace per meglio fare le guerre. Finte patate bollenti, dieci ipotesi inconcludenti e politici resistenti. Ah, poveri noi, quanto resistenti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’