domenica, giugno 24

Giochi per Pc: i migliori del 2017 Da 'Hellblade senua's sacrifice' a 'Wolfenstein: The New Colossus'

0

Molte soddisfazioni ha avuto nel 2017 il mercato dei giochi elettonici. E forse mai come quest’ anno, i prodotti hanno raggiunto livelli di qualità inediti. Il video di Gamespot presenta 5 tra i migliori giochi di questo 2017.

Tentare di illuminare l’oscurità interiore è quello che è alla base della trama di ‘Hellblade senua’s sacrifice’, un vero e proprio gioiello dal punto di vista della realizzazione audiovisiva.  Ottimo lavoro di Machines Games per  ‘Wolfenstein: The New Colossus’, in cui viene raccontata una nuova avventura della banda di B.J. Blazkowicz. Nuove caratteristiche anche per il protagonista, Terror Billy, dotato di poteri quasi sovrumani per sconfiggere i nazisti.

Nuovo capitolo di Resident Evil. In quest ultimo ‘Biohazard‘ , Capcom è riuscita a migliorare molte caratteristiche poco apprezzate nei precedenti ultimi due lavori. Accentuato il punto di vista soggettivo, in uno sfondo horror psicologico,  sembra riportare agli onori dei fan una saga da sempre molto amata. Divinity: Original Sin 2′: ritorna con grande successo il gioco di ruolo, dominato da eventi importanti, capacità di attrarre davanti al pc giocatori singoli, ma anche coppie, sia online che offline.

‘Total War: Warhammer 2’ : dalla eccellente veste, è forse tra i migliori giochi di guerra, anche per coloro che si accostano per la prima volta a questo genere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore