mercoledì, giugno 20

Giappone, al via la campagna elettorale I due maggiori sfidanti sono l'uscente Shinzo Abe e la governatrice di Tokyo Yuriko Koike

0

La campagna per le elezioni anticipate in Giappone che si svolgeranno il prossimo 22 ottobre è partita. A sfidarsi per la leadership ci sono il Partito liberal democratico dell’attuale premier Shinzo Abe e il Partito della speranza, fondato meno di un mese fa dalla governatrice di Tokyo Yuriko Koike.

Solo pochi giorni fa c’è stato il primo confronto tra gli otto candidati alla premiership del Giappone e si è parlato molto delle possibili modifiche alla costituzione pacifista del Paese e sull’aggiornamento del sistema fiscale.

Yuriko Koike ha dato il via al suo tour elettorale a Tokyo, dove ha detto: «Abbiamo un surplus di cose in questo Paese. Ciò che manca è la speranza nel futuro». Nel suo primo intervento per la campagna elettorale a Fukushima, nel nord-est del Giappone, Shinzo Abe ha criticato invece l’utilizzo di slogan populisti da parte dell’opposizione e ha affermato che il rinnovo del suo mandato è necessario per affrontare quella che ha definito una vera e propria crisi nazionale derivante dalla minaccia nucleare della Corea del Nord e dalla bassa natalità nazionale.

Recenti sondaggi in Giappone danno in vantaggio il partito guidato da Abe. Secondo alcuni analisti potrebbe trattarsi di una vittoria schiacciante.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.