venerdì, luglio 20

Francia: nuovi scontri a Notre dame de Landes I disordini sono ripartiti subito prima di quella che avrebbe dovuto essere una manifestazione pacifica

0

Ormai da una settimana, la gendarmeria è sul campo per far fronte alle violenti proteste di Notre dame de Landes, nella parte ovest della Francia. Qui i poliziotti, (ben 25 squadroni di Gendarmeria, pari a 2.500 agenti) da diversi giorni sono impegnati nello sgombero della Zad (Zone a defendre), una vera e propria comune anarchica e ambientalista creata nel 2008 per impedire la costruzione di un aeroporto.

Dopo gli scontri della settimana scorsa, i disordini sono ripartiti subito prima di quella che avrebbe dovuto essere una manifestazione pacifica di solidarietà di alcuni simpatizzanti accorsi da tutta la Francia. Grandi blocchi stradali in tutta l’ area sono stati organizzati dalla gendarmeria che ha distrutto le varie fattorie, case coloniche che in questi anni gli occupanti avevano costruito abusivamente sui terreni.

Il progetto per la costruzione dell’aeroporto è stato cancellato all’inizio dell’anno, ma gli occupanti hanno rifiutato di abbandonare i terreni. La gendarmeria è al momento alle prese con un’operazione che probabilmente durerà molto più della settimana inizialmente .

Non è la prima occupazione del terreno da parte degli attivisti. Già nel 2012, furono usati i trattori per impedire la costruzione dell’ aeroporto.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore