mercoledì, agosto 22

Exdoll, le bambole del sesso in Cina sempre più reali Robot femminili con pelle in silicone e wi-fi integrato per 'allietare' i giovani (e non solo) cinesi

0

San Valentino ormai è alle porte, ma in Cina sono molti i single. E per loro ora c’è la tecnologia a venire in aiuto. L’azienda Exdoll infatti ha prodotto dei robot femminili con pelle in silicone e wi-fi integrato per ‘allietare’ i giovani (e non solo) cinesi.

La Exdoll produce quasi 500 robot femminili al mese e i prezzi dei modelli oscillano dai 400 a 4000 dollari. Poi ci sono anche i modelli più avanzati, fino a 4mila dollari, con incorporato un assistente virtuale (simile a Siri di Apple, per intenderci) in grado di parlare e navigare in internet.

Entro un anno, tuttavia, secondo l’azienda, la bambola sarà in grado di imitare movimenti complessi ed espressioni facciali, riconoscendo le voci dell’utente e seguendo con gli occhi le persone intorno alla stanza. E vedendo queste immagini siamo davvero molto vicini.

L’obiettivo di questo settore non è solo il semplice uso per il piacere: a lungo termine si spera, dice la Exdoll, di creare degli umanoidi così avanzati da poter essere utilizzati per curare la solitudine degli anziani e i disabili, oltre che come assistenti medici e receptionist.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.