giovedì, maggio 24

Everest: Xia Boyu riesce a realizzare il suo sogno E' il secondo uomo senza gambe che conquista la vetta del Monte

0

Dopo cinque tentativi falliti, è finalmente riuscito: l’alpinista cinese Xia Boyu, a 70 anni, è riuscito a raggiungere la cima dell’ Everest, a 8.848 metri di altitudine. E’ il secondo uomo senza gambe che conquista questo successo. Il primo uomo era stato nel 2006 il neozelandese Mark Inglis.Il primo tentativo di Xia Boyu risaliva a 43 anni fa, nel 1975, quando venne travolto da una tempesta, si congelò e perse i piedi.

«Ha raggiunto la vetta stamattina, insieme ad altri sette membri della sua squadra», ha annunciato Dawa Futi di Imagine Trek and Expedition, che ha organizzato la scalata. L’anno scorso il governo nepalese aveva vietato le scalate sulle sue montagne per i non vedenti e per chi manca di entrambi gli arti. Nel marzo scorso la più alta Corte del Nepal ha cancellato la decisione del governo.

Nel 1996 Xia Boyu ha subito l’ amputazione delle gambe fino alle ginocchia dopo che gli fu diagnosticato un linfoma. Un nuovo tentativo ci fu nel 2014, ma una valanga costata la vita a 16 membri della squadra lo portò al fallimento. Ci riprovò nel 2015, ma un terremoto che colpì il Nepal annullò l’ impresa e sull’Everest morirono 22. Poi nel 2016, ma il maltempo lo bloccò a pochi metri dal traguardo.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore