mercoledì, febbraio 21

Ecco la nuova Symbioz firmata Renault La Symbioz  dispone del Multi-Sense 3.0 grazie al quale si può selezionare la modalità di guida desiderata

0

Renault ha presentato un prototipo chiamato Symbioz , basata sull’ elettrico e su sistemi di guida autonoma di Livello 4, che fanno in modo che l’ auto sia controllata automaticamente, pur rimanendo, nell ‘abitacolo, la classica strumentazione. L’ auto monta ben due motori elettrici sull’asse posteriore con una potenza di 500 kW e 600 Nm, abbinati a batterie da 700 V da 72 kWh. La ricarica avviene grazie a sistemi rapidi da 150 kW e può recuperare l’80% dell’energia in 30 minuti.

Con 4,92 metri e 3,07 metri di passo, con 1,44 metri di altezza, la vettura è molto confortevole.  L’ intero progetto della carrozzeria si fonda su una maggiore efficienza aerodinamica. Numerosi i sensori e le telecamere presenti. Quando viene attivata la guida autonoma, la vettura modifica le luci a Led esterne: assumendo il colore blu. La Symbioz  dispone del Multi-Sense 3.0 grazie al quale si può selezionare la modalità di guida desiderata: Classic, Dynamic e AD, ognuna delle quali corrisponde anche a tre fragranze diffuse nell’ambiente interno.

La Renault Symbioz presenta anche una grande connettività. Il veicolo riconosce il proprietario attraverso lo smartphone, tramite il quale avviene l’accesso ai propri contenuti multimediali. Sempre di più abitazione e autovettura sembrano integrati. La Concept dispone delle più avanzate e più sofisticate soluzioni V2X per la connessione alle infrastrutture, ambito in cui Renault sta investendo molti soldi.

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

it_ITItalian
it_ITItalian